Press "Enter" to skip to content

Ferragosto 2019 connotato da un turismo multietnico. ‘Tutto esaurito’ ad Aosta e Cogne

AOSTA – Il capoluogo regionale, Cogne e Chamois ‘perle del Gran Paradiso’, registrano il ‘tutto esaurito’. Courmayeur, la ‘capitale’ dell’alpinismo mondiale, risente della “campagna aggressiva veicolata dalle nuove strutture alberghiere con 150/200 camere ‘svendute’ a prezzi difformi dal target della località”. Dichiarazioni, senza perifrasi, di Leonardo Mona, albergatore della grande famiglia dei Berthod, titolari dell’omonimo storico hotel. “E’ chiaro che, abbassando i prezzi a livelli della periferia di Torino, si riempono le camere, ma si ‘uccide’ anche il livello di qualità che, da sempre, contraddistingue ‘Courma’. Risultato: abbiamo ancora qualche ‘vuoto’. Siamo, in ogni caso, ottimisti. Speriamo molto sugli arrivi dell’ultima ora”.

Folla di turisti stranieri a Breuil Cervinia dove, come confermano dal Consorzio Turismo Cervino,”le strutture alberghiere non dichiarano il ‘completo’. Sperano ancora negli arrivi del classico ‘mordi e fuggi”.

Filippo Gérard, presidente ADAVA e albergatore, di Cogne, invita a guardare in faccia la realtà: “Premesso – dice – che i conti si fanno a fine stagione, tengo a far notare che Ferragosto è un giorno soltanto e non può essere l’ago della bilancia dell’estate. Il turismo ha cambiato il suo volto e, per questo, lo sguardo degli operatori turistici deve essere proiettato al futuro, non solo sul presente. Qualche camera vuota ad Agosto non deve allarmare se, poi, come spesso accade, il mese di Settembre si rivela ottimo”.

Nessun problema per il secondo Comune inserito fra le ‘perle delle Alpi’: Chamois, il Comune più alto d’Europa con i suoi 1.800 metri. L’unico raggiungibile soltanto in funivia.

Stefano Scotti, responsabile della promozione turistica, non ha dubbi: “Siamo, ormai, abituati al ‘tutto esaurito’ a Ferragosto, ma non soloafferma -. Il nostro turismo, proveniente, in prevalenza, dal Nord Europa, è alla ricerca del diverso, del particolare, di una vacanza il più rasserenante possibile. Chamois offre tutte queste peculiarità, arricchendole, di anno in anno, di iniziative coinvolgenti.” Le descrive: “Agli adulti proponiamo le nostre incantevoli passeggiate al Lago di Lod. I bambini li facciamo divertire con i tornei di calcetto e con laboratori creativi. Senza contare l’evento sempre molto atteso relativo alla premiazione del concorso di orti, giardini e balconi fioriti. Ad ogni edizione riscuote un successo incentivante”

E il capoluogo regionale come affronta questo ‘giro di boa’ dell’estate valdostana? Con larghi sorrisi. Le strutture ricettive sono quasi al completo. Molti i turisti stranieri. Alcuni ‘buchi’ non preoccupano gli albergatori: “Possiamo contare sui turisti dell’ultimo momento. Accade ogni anno”, assicura Jeannette Bondaz, delegata ADAVA, per la città. I professionisti del settore sono consapevoli di come siano in pochissimi a rinunciare anche ad un solo giorno di relax. E il giorno di Ferragosto è considerato il più idoneo per concedersi una ‘puntata’ in Valle d’Aosta. Nel capoluogo regionale, soprattutto, dove il ‘ventaglio’ delle proposte ricreative è tale da esaudire anche le richieste di villeggianti pretenziosi.

L’offerta artistica di Aosta è fra le più ricche e complete nel panorama europeo. La visita della città riserva piacevoli scoperte in ogni angolo, nel centro storico, in particolare. Senza contare la possibilità di trasferirsi nell’incantevole stazione turistica di Pila, raggiungibile, da Aosta, con ogni mezzo, compresa la funivia, in poco più di mezz’ora.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

google-site-verification=08oW6gnsO9wyK2e5wSYJRhu8LiBjyAH5JhFmOXhiuo8
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram