Press "Enter" to skip to content

Plasma contro il Covid, il vice primario del Carlo Poma “assurdo che un partito bocci la terapia”

Che il Pd nel Lazio bocci la plasmaterapia “mi sembra un’assurdità di base”: lo ha detto Massimiliano Beccaria, vice primario di pneumologia dell’azienda ospedaliera Carlo Poma di Mantova, ospite del programma “L’imprenditore e gli altri” condotto da Stefano Bandecchi, su Radio Cusano Tv Italia. “Che la bocci un partito politico mi sembra un’assurdità di base, semmai la può bocciare un comitato scientifico sulla base di dati incontrovertibili – ha affermato Beccaria -. Hanno preso questa decisione senza basi scientifiche Non hanno considerato che c’è uno studio validato da Aifa che sta per partire in vari centri, anche se Mantova è stata esclusa e non so perché, forse perché siamo stati i primi e ne abbiamo parlato troppo”. Sulla plasmaterapia, Beccaria ha aggiunto.

“E’ la nostra cartuccia da mettere nel fucile laddove la malattia arrivasse in una situazione molto critica, per evitare l’intubazione. Con questa terapia siamo riusciti a salvare i pazienti, abbiamo avuto il 100 per cento di sopravvivenza su oltre 80 pazienti. Nessuno dei pazienti con insufficienza respiratoria, non in condizioni gravissime, trattati con plasma è finito in terapia intensiva. Sono tutti guariti o in via di guarigione”, ha concluso.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram