Press "Enter" to skip to content

Green Pass Italia: il documento che ‘presenterà’ il nostro stato di salute Covid-free

AOSTA – Con questa speciale ‘carta di identità verde’ si potrà viaggiare in Italia e negli Stati europei, concedersi vacanze, partecipare a feste, manifestazioni, convegni. In sintesi: ritornare alla normalità, a partire dal 1 luglio.

Come ottenerlo? Innanzitutto, è obbligatoria almeno la prima dose di vaccino per garantire la durata di nove mesi a partire da 15 giorni dopo l’inoculazione.

La validità si riduce a sei mesi per chi è guarito dal Covid. Per ottenerlo, la persona deve sottoporsi ad una prima dose di profilassi. E’ importante sapere che in alcuni Stati d’Europa è richiesta anche la seconda dose di vaccino.

Il ‘passaporto verde’ possono assicurarselo anche i ‘No Vax’ purché effettuino un tampone che, nel caso risulti negativo, durerà 72 ore; con il test antigenico, la validità scadrà dopo 48 ore. Le persone che hanno superato l’infezione polmonare possono esibire il ‘green pass’ che scadrà dopo sei mesi dalla guarigione.

I controlli? E’ indispensabile una apposita app che verrà verificata dagli addetti delle varie strutture. Una app che agevolerà questi controllori nell’accertare la legittimità della certificazione e le generalità dell’intestatario.

Dal 1 luglio, entrerà in vigore anche il documento che istituisce il certificato Covid digitale come diritto di tutti i cittadini dell’Unione Europea.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram