Press "Enter" to skip to content

Montorio: L’aministratore Facciolini …il rottamatore pdano venuto da Castelli

“Apprendiamo con sorpresa delle dimissioni dell’Assessore Nina Nori, –scrive in una nota i consiglieri di minoranza di “Montorio Insieme” e Montorio che vive” – a cui va la nostra solidarietà per le dichiarazioni farneticanti del Sindaco che ha detto alla stampa che: “l’Assessore per sue esigenze private ha preferito fare questa scelta dettata dall’etica” mettendola così alla berlina, nel silenzio generale di tutti gli altri consiglieri, evidentemente soddisfatti dall’accaduto, certificando l’ormai definitivo passaggio a destra di quel che resta della sua Amministrazione. Per il Sindaco Ennio Facciolini passare da una “lista civica” a una “lista di pseudo-destra” è stato un attimo”. E’ quanto dichiarano in una nota congiunta, i consiglieri di minoranza Marco Citerei e Gabriella Zuccarini di “Montorio che Vive”, Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini di “Montorio Avanti Insieme”.

Dall’inizio del mandato, con questa Amministrazione completamente assente sul territorio, assistiamo ad un continuo stillicidio di assessori e consiglieri, un susseguirsi di dimissioni, fuoriuscite dalla maggioranza e poi rientri improvvisi. Basti pensare che, a meno di due anni dal loro insediamento, la Giunta è cambiata svariate volte, tant’è che ora il Sindaco non ha più nessuno a disposizione da inserire fra gli eletti e dovrà ricorrere ad un assessore donna esterno.  Capigruppo di maggioranza che vanno e vengono. Unico perno a questo punto rimane il Vice Sindaco Raniero Barnabei, verde come le colline padane” aggiungno i consiglieri di opposizione.

Alla luce di tutto ciò ricordiamo al Sindaco Facciolini che è stato eletto per  governare un paese e non per rincorrere le bandiere padane, come sta facendo per aggraziarsi la benevolenza di chi ora è al comando in Regione, tradendo il mandato civico affidatogli dagli elettori, come dimostra la fotografia scattata durante l’assegnazione degli alloggi Ater. Non è possibile che chi la pensa diversamente, per ultimo Nina Nori, viene isolato e messo da parte, eliminando così tutte le componenti civiche e moderate del gruppo. Un lavoro certosino, che oggi certifica definitivamente la morte del progetto “civico” proseguono i consiglieri di opposizione Citerei, Zuccarini, Guizzetti e Sacchini.

“Una situazione che ci preoccupa molto, un paese completamente fermo, disagi economici e sociali che aumentano, un calo demografico che negli ultimi due anni si è accentuato, totale assenza di strategia programmatoria, mentre il Sindaco ed i suoi fedelissimi, pensano solo ed esclusivamente al nulla cosmico e allo scambio di poltrone, come insegnano i due ex delusi, oggi tornati “poltronissimi”…pardon fedelissimi, Valleriani e Nibid. Il tutto si può riassumere con due endecasillabi del sommo poeta: “la compagnia malvagia e scempia”, ossia quando si ha una compagine amministrativa con queste caratteristiche “si disconvien fruttare al dolce fico” non ci si può aspettare un risultato fruttuoso” concludono i consiglieri di Montorio che Vive e Montorio Avanti Insieme.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram