Press "Enter" to skip to content

Fiorentina-Napoli 3-4: Ribery steso in area, rigore negato

Un micidiiale 1-2 nel finale di primo tempo, permette al Napoli di ribaltare il risultato contro la Fiorentina: complici un po’ di leggerezza della Difesa viola e un rigore veramente molto, molto dubbio (per usare un eufemismo) concesso al Napoli. I viola erano passati in vantaggio su rigore (assai più  netto) per poi tenere bene il confronto con il Napoli. 

In avvio di ripresa, al 6′, la Fiorentina pareggia con un imperioso colpo di testa di MIlenkovic su corner di Pulgar. Al 9′ occasione per CHiesa (molto motivato) che tira addosso a Meret. IL pari dura poco: azione avvolgente del Napoli, da destra Callejon in corsa batte Dragowski. I viola non mollano, però.

Montella toglie Vlahovic (stanchissimo, partita generosa, ma molto dura contro la difesa azzurra) e inserisce Boateng che è subito pericoloso con un tiro da fuori e al 20′ inventa uno splendido gol: rasoterra, palo, rete. L’esultanza viola dura poco: contropiede del Napoli, Insigne segna comodamente su assist di Mertens. I viola soffrono il contropiede azzurro, sebbene Pulgar (grande serata la sua) recuperi un’infinità di palloni.

Al 32′ della ripresa Montella toglie Sottil (molto buona la sua prova, ma ha dato tutto) per l’esordio di Ribéry, acclamato dalla folla. Il Napoli fa possesso palla e per i viola si fa dura. Al 42′ su angolo, Pezzella avrebbe la palla buona ma colpisce male. In pieno recupero accade l’incredibile: n umero di Ribery che va via a due avversari, viene steso in area, ma l’arbitro non dà il rigore tra le proteste viola.

Il primo tempo – Subito viola pericolosi al 3′ con Chiesa che si libera sulla destra, mette al centro e Vlahovic cerca il colpo di tacco vincente ma viene ribattuto. Poi all’8′  Fiorentina in vantaggio: fallo di mano di Zielindski in area, l’arbitro consulta il Var, poi va di persona a visionare le immagini e assegna il penalty. Batte Pulgar, esecuzione perfetta ed è 1-0 per i viola.

E’ una bella Fiorentina, brava a pressare il Napoli e a ripartire. I giovani (Venuti, Castrovilli, Sottil e Vlahovic) mostrano personalità, Chiesa è voglioso di fare la differenza ed è pericoloso con le accelerazioni e i tiri da fuori, Badely orchestra con calma.

 Vincenzo Montella butta subito dentro Dusan Vlahovic a guidare l’attacco viola contro il Napoli. Serata che comincia con il nuovo patron viola Rocco Commissoacclamato sotto la Curva Fiesole con un coro che contagia tutto lo stadio. Poi Commisso, seguito da Joe Barone, fa il giro di tutto il campo e, quando arriva sotto la curva ospite saluta anche i tifosi napoletani.

Al 20′ Milenkovic servito da un’ottima punizione di Pulgar, colpisce di testa sfiorando il gol.. Il Napoli è molto nervoso e colleziona cartellini gialli. Il Napoli preme e alla mezz’ora Koulibaly dal limite dell’area viola sfiora il gol: il suo tiro è deviato di poco alto sulla traversa. .

Al 37′ arriva il pari del Napoli: disimpegno non riuscito dalla difesa viola, Mertens difende palla, si libera di Badely e batte Dragowski (non impeccabile). Passano 4 minuti e il Napoli la ribalta: l’arbitro assegna un rigore piuttosto strano (Mertens inciampa nelle gambe di Castrovilli a terra) e Insigne segna. Davvero moltissimi dubbi sul rigore partenopeo.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram