Press "Enter" to skip to content

La protesta della base 5 Stelle: Di Maio ascoltaci, mai con il PD

Sono passare solo poche ore da quando Di Maio ha finito di parlare al Quirinale e subito la base del Movimento si scatena con messaggi di ogni sorta in cui che si riassume in una frase: «No all’accordo col Pd. E su Salvini ripensaci…»

Ne abbiamo strapolato solo alcune che lasciano capire l’umore dellìelettorato del M5S

Non mi fido del Pd. Salvini ora apre al M5S, ha elogiato il buon lavoro svolto da Di Maio. Una riflessione la farei: rivedere il contratto e portare avanti i programmi

Caro ministro pensi alle parole di Salvini, per quanto possano essere di facciata, meglio lui che il Pd

Ministro pensaci su sulle parole della Lega e continuate, lascia perdere il PD quelli ti affossa o senti a me da buon paesano

Se accetta l’accordo con il Pd è la fine per il movimento io non li voterò più. O il Pd accetta il taglio dei parlamentari o si va al voto. Mai scendere a compromessi

Meglio un Salvini non “credibile” che un Pd spezzatino. Poi Zingaretti noi laziali lo conosciamo bene.

No Pd, Di Maio non ci tradire. Riparla con Salvini insieme il governo giallo-verde era il migliore mai avuto fino ora.

Sono solo alcuni messaggi che inconfutabilmente palesano l’umore della base del Movimento oltre che l’intenzione di tanti.

Pochi hanno dimenticato quanto male ha fatto all’Italia il PD con i suoi grandi personaggi. Pochi hanno dimenticato gli attacchi frontali tra il M5S e il PD ed è difficile spiegarsi come lo stesso movimento che solo qualche settimana fa diceva: “Mai con il PD” oggi posa essere attratto dalle sirene omeriche del PD,

LaCi si augura un’attenta analisi e grande capacità di discernimento tra promesse vere e quelle false perchè davvero, in questo momento, il movimento potrebbe autodistruggersi venendo meno a tutti quei principi che hanno entusiasmato il suo elettorato.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram