Press "Enter" to skip to content

Gualtieri si appresta a consegnare l’Italia alla Germania e Francia

Si parla del decreto “Cura Italia, e con una serie di parole, poco comprensibili ai più, ci si prepara a soccombere. Proprio questo sta per accadere, senza giri di parole o perifrasi, il nostro ministro Gualtieri, su mandato di Conte ed a Parlamento semi chiuso, sta per mettere l’Italia e gli italiani in un grosso guaio.

Per uscire da questa crisi, in larga parte, ma non solo, causato dal Coronavirus, Gualtieri ha sottolineato l’importanza di utilizzare anche gli strumenti messi a disposizione dall’Unione Europea per far fronte alla crisi, evidenziando la necessità di una “mobilitazione straordinaria di tutte le risorse utilizzabili”: dal Bilancio europeo per l’emissione di titoli da parte dell’Efsm (Meccanismo europeo di stabilità, ndr) all’istituzione di un fondo paneuropeo da parte della Bei” per “sostenere iniziative in favore della liquidità alle imprese” e attraverso la “messa a disposizione per i Paesi di eurobond dal Mes” attraverso l’emissione di titoli per finanziare “senza condizionalità” gli interventi di contrasto all’epidemia di coronavirus.

Paroloni di difficile comprensione per molti che potrebbe essere tradotto chiaramente come riporta un post che gira all’impazzata sulla rete:

“Lunedì prossimo il Ministro dell’economia Gualtieri sarà a Bruxelles per firmare, su mandato di Conte, il MES Meccanismo Europeo di Stabilità, con cui l’Italia si metterà in mano allo strozzinaggio della Francia e Germania, che per concedere un prestito all’Italia avranno l’autorizzazione ad accedere direttamente ai risparmi di noi cittadini per la restituzione.

Questa “porcata” viene fatta nel momento peggiore per gli italiani e a Parlamento semi-chiuso.”

Non rimane altro da fare che invocare un immediato e risolutivo intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per evitare questa sventura già troppe volte ventilata da questi signori governanti non eletti dal popolo ma insediati per volere dell’Europa.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram