Press "Enter" to skip to content

Calenda si dimette: “Un programma nato su omissioni di comodo non è un programma, è una scusa”

Cantava Gianni Morandi “Unosu nille …” calza proprio a pennello ed è proprio il caso di Calenda: unico tra tanti ad avere il coraggio di combattere per le proprie idee e non per le poltrone.

“Caro Nicola, Caro Paolo, vi prego di voler accettare le mie dimissioni dalla Direzione nazionale del Partito democratico“. Lo scrive Carlo Calenda in una lettera indirizzata a Nicola Zingaretti e Paolo Gentiloni in cui parla, tra l’altro, di “una decisione difficile e sofferta”.

“Penso che in democrazia si possano, e talvolta si debbano, fare accordi con chi ha idee diverse, ma mai con chi ha valori opposti. Questo è il caso del M5S“, sottolinea l’eurodeputato nella lettera. “Sapete bene che nulla abbiamo in comune con Grillo, Casaleggio e Di Maio. Ed è significativo il fatto che il negoziato non abbia neanche sfiorato i punti più controversi: dall’Ilva alla Tav da Alitalia ai Navigator. Un programma nato su omissioni di comodo non è un programma, è una scusa”, dice Calenda.

Stringendo l’alleanza con il M5S, il Pd rinuncia a combattere per le sue idee e i suoi valori. E questo non posso accettarlo“, scrive tra le altre cose l’eurodeputato che prevede: “Le elezioni arriveranno. Le avete solo spinte più in là di qualche metro. Quando sarete pronti a lottare ci troveremo di nuovo dalla stessa parte. Con amicizia”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram