Press "Enter" to skip to content

Vigili del Fuoco e Forestali pronti a scioperare il 2 aprile, in concomitanza con la millenaria ‘Foire de St.Ours’

AOSTA -Hanno scelto sabato 2 aprile, avvio della ‘due giorni’ della Fiera delle Fiere’, per indire lo stato di agitazione dei Corpi dei Vigili del Fuoco e dei Forestali. I segretari sindacali di categoria di Cgil, Cisl e Uil specificano come questa astensione dal lavoro sia determinata, ancora una volta, dalle annose richieste di equiparazione retributiva, da nuove assunzioni e da investimenti su mezzi e sedi. Richieste cadute nel vuoto.

Le maestranze dei due comparti si presenteranno in Place Deffeyes per ricordare come l’equiparazione retributiva e previdenziale dei due Corpi, elaborate nella scorsa legislatura e condivisa dall’attuale Governo, non abbiano raggiunto nulla di concreto.

“Il Presidente della Commissione Paritetica – sottolineano le parti sociali – afferma di non lavorare su alcuna norma di attuazione poiché in attesa di documentazione da parte dell’Amministrazione, mentre il Presidente della Regione dichiara che, a breve, sarà presentata una bozza”, ricordano i sindacati.

C’è molto di più in questa possibile astensione dal lavoro nel primo dei due giorni della ‘Foire’, allestita, per la prima volta nella sua storia millenaria, in primavera.

“Le carenze di personale sono, ormai, gravi, tali da compromettere la formazione e la buona riuscita dei servizi di istituto, strutture che appaiono fatiscenti e inadeguate, i mezzi di trasporto ormai vetusti e inefficienti e alcune conoscenze acquisite con l’esperienza, sono, ormai, andate perse con il personale in quiescenza”.

Venerdì 25 marzo, alle ore 17, nella sede della Cgil, si terrà l’Assemblea con il Corpo dei Forestali; ancora da decidere l’incontro con i Vigili del Fuoco.

“Il soccorso e la sicurezza della Valle d’Aosta risultano compromessi. Pertanto, – chiude la nota – fino a quando non vi sarà un reale impegno da parte del Governo, con i tempi di concretizzazione, i Vigili del Fuoco e i Forestali rimarranno in stato di agitazione, arrivando sino a scioperare”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram