Press "Enter" to skip to content

Vaccino Hiv, il ‘rovello’ del dottor Bacco: “Le profilassi anti Covid hanno riacceso la speranza”

AOSTA – Venticinque anni di studi approfonditi, mai giunti all’agognato traguardo. O meglio. Venticinque anni di speranze e delusioni per il medico Ricercatore Pasquale Mario Bacco che ha giurato a se stesso di assicurare all’umanità un vaccino contro il virus Hiv, la causa dell’Aids, la sindrome da immunodeficienza acquisita che ha falciato la vita di migliaia di giovani, soprattutto.

La speranza che, come recita la saggezza popolare, è l’ultima a morire, si è rivitalizzata con la realizzazione dei vaccini a mRna per la lotta al virus Sars-CoV-2, insidioso e letale tanto quanto l’Hiv.

Pasquale Mario Bacco

Il metodo geniale, rivoluzionario del ‘vettore virale’ potrebbe diventare il ‘mezzo di ‘trasporto’ che aiuterà il dottor Bacco a concretizzare l’antidoto per annientare il virus Hiv.

Non solo – sottolinea, in esclusiva per ‘Voxpublica.it’, al telefono dal suo studio, a Bari -. L’ mRna diventerà l’arma più efficace contro molte patologie gravi e, ad oggi, scandite da precarietà, incertezza. Le neoplasie, in primis, potrebbero essere sconfitte o, quantomeno, affrontate con una metodologia terapeutica molto più valida, promettente”.

Il Ricercatore Bacco ha ripreso gli studi sull’Hiv, approfondendo i dettagli del principio attivo dei due vaccini prodotti da Pfizer e Moderna, le due aziende, (la prima tedesca, la seconda americana) di biotecnologia e biofarmaceutica attive nell’ambito della ricerca, sviluppo e commercializzazione di farmaci.

Non ho certezze, ma il desiderio di raggiungere il mio obiettivo è rimasto intatto – assicura il dottor Bacco -. Questo Rna messaggero sta ‘affascinando’ i ricercatori del mondo, galvanizzati dall’idea di poter garantire terapie di ultima generazione, fondamentali per una completa guarigione. Di poter, finalmente, eradicare su tutto il Pianeta Terra malattie, fino ad oggi, incurabili o curabili in termini parziali, insoddisfacenti“, la chiosa conclusiva del dottor Pasquale Mario Bacco.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram