Press "Enter" to skip to content

Vaccino anti Covid-19: allo studio la somministrazione di una dose all’anno

AOSTA – Si fa sempre più effervescente il dibattito sul vaccino anti Sars-CoV-2. Gli Scienziati sono impegnati nell’approfondire modalità mirate a rafforzare l’efficacia e alla possibilità di rendere la prevenzione un appuntamento annuale.

Il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco Aifa, Nicola Magrini ha dichiarato ad una rivista scientifica il suo favore: “Ritengo sia una strada da intraprendere per alleggerire, il più possibile, la convivenza con il Sars-CoV-2. Ma – ha premesso – è ancora tutto in forse. Sarà una decisione collegiale che valuteremo nei prossimi mesi, in base anche all’andamento epidemiologico”.

Accenna alla terza dose prevista dalla classe medico-scientifica: “E’ un messaggio che può confondere e allarmare inutilmente”, sottolinea, anticipando che questa eventualità sarà, semai, destinata agli immunodepressi.

“Chi non appartiene a questa categoria – rassicura – è più che protetto dalle due dosi”.

La campagna vaccinale, sul territorio italiano, si sta concentrando, in termini sempre più elevati, sulla somministrazione dei due vaccini a mRna messaggero, Pfizer e Moderna; profilassi i cui effetti collaterali sono lievi e di breve durata nella quasi totalità dei vaccinati. Entrambi verranno somministrati anche il prossimo anno”.

Guarda al futuro Nicola Magrini: “Non illudiamoci – asserisce -. Il virus continuerà a circolare a lungo. Parliamo di anni. La crescita dei contagi non ha portato, ad oggi, all’aumento dei ricoveri ospedalieri. Grazie ai vaccini”, conclude il direttore generale di Aifa.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram