Press "Enter" to skip to content

Vaccini: possibile terza dose in fasce di età abbassate

AOSTA – L’aumento costante dei contagi da virus Sars-CoV-2 ha indirizzato il Commissario straordinario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo a prevedere un abbassamento dell’età per la somministrazione della terza dose.

Oltre all’attuale somministrazione agli over 60, si profila un possibile orientamento verso la fascia di età compresa tra i 40 e i 60 anni. Ad oggi, non è stata sciolta alcuna riserva, anche perché saranno le evidenze scientifiche a dare le adeguate indicazioni.

Un ‘istantanea della situazione vaccinale italiana rassicura il Generale Figliuolo: “Oggi, siamo all’83,5% delle persone che hanno effettuato il ciclo complessivo. Questo – chiarisce il Commissario – ci pone al 76% su tutta la popolazione”.

Ad oggi, la dose booster è stata inoculata a 1.920.354 di cittadini, cioé al 37,43%; a queste, si aggiungono 363.272 dosi addizionali, vale a dire il 41,12% delle persone interessate.

Per quanto tempo protegge dal contagio la terza dose?

L’Immunologo del Cts Sergio Abrignani ha spiegato in un ‘intervista su TG COM24: “La dose booster potrebbe allontanare un’eventuale successivo richiamo per diversi anni. In settimana – è intervenuto Franco Locatelli, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico – prenderemo una decisione”.

In Valle d’Aosta, questo terzo richiamo vaccinale ha coinvolto, in primis, il personale sanitario, categoria fra le più esposte al contagio. La dose booster deve essere inoculata a distanza di sei mesi dalle due precedenti.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram