Press "Enter" to skip to content

Vaccini: Gimbe blocca AstraZeneca e J&J per gli under 50

AOSTA – La dichiarazione di Nino Cartabellotta, Presidente del Gruppo Italiano Medicina Basata sulle Evidenze è tranchant: “Per i cittadini under 50, i vaccini AstraZeneca e Johnson&Johnson presentano rischi superiori ai benefici “.

Vaccini a vettore virale (mRna) che, secondo quanto sostiene Gimbe, dovrebbero essere riservati ai cittadini più giovani; a differenza di quelli con vettore adenovirale adatti agli over 50.

La tragica scomparsa di Camilla, la diciottenne genovese vaccinata con AstraZeneca, ha scosso il mondo scientifico. Stroncata da una trombosi al seno cavernoso, era stata operata per la rimozione di un trombo e per ridurre la pressione intracranica.

La profilassi le era stata somministrata il 25 maggio, nell’Open day riservato agli over 18. Nei primi giorni del mese in corso aveva accusato una forte cefalea e fotofobia. Nei giorni successivi, poi, una serie di gravi deficit.

La giovane non è la sola ad aver perso la vita a distanza di poco tempo dall’inoculazione del vaccino sospeso. La Magistratura italiana sta indagando e considera questi decessi con lo stesso metro adottato per lesioni derivanti da un omicidio.

L’Associazione Nazionale Aiuti Assistenti Ospedalieri (Anaao) sollecita il Parlamento ad approvare norme di tutela dei medici. Già a marzo, l’Aifa aveva bloccato un lotto di AstraZeneca a seguito di tre morti sospette.

Ad oggi, non è ancora stato appurato il nesso tra la somministrazione del vaccino e i decessi. Sono in corso indagini più approfondite anche con l’acquisizione delle cartelle cliniche delle persone decedute.

Intanto Gimbe diffonde gli aggiornamento sulla situazione epidemiologica, confermando la diminuzione dei contagi e il calo dei ricoveri anche nelle Terapie Intensive.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram