Press "Enter" to skip to content

V-Day: da oggi le prenotazioni per il vaccino. Avvio ufficiale, domani, in Bassa Valle. L’8, ad Aosta

AOSTA -Meno uno. Da domani, 2 marzo, prende il via la campagna di vaccinazioni di massa, promossa, in Valle d’Aosta, a partire da dicembre 2020 con l’obiettivo 80 mila residenti vaccinati entro luglio 2021.

Gli strumenti ci sono tutti: dalla piattaforma digitale, al portale, all’assistente virtuale che, da oggi 1 marzo, gestisce le prenotazioni.

Una campagna supportata da testimonial d’eccezione, tra cui Federico Pellegrino, il campione di sci nordico che, come gli altri ventidue testimonial, divulgano lo slogan emblema: “Io mi vaccino. Io ti proteggo”.

Il V-Day si realizzerà nei Centri di somministrazione delle dosi. In Bassa Valle, la prima area interessata in cui il vaccino verrà somministrato nei saloni polifunzionali di Donnas e Cha^tillon.

Dall’8 marzo, l’avvio ad Aosta, nel Palaindoor, di corso Lancieri.

L’assessore alla Sanità Roberto Barmasse ricorda la disponibilità attuale dei vaccini: Pfizer, AstraZeneca e Moderna, autorizzati dall’Agenzia Europea dei Medicinali.

Specifica alcune peculiarità dei tre vaccini, indicando la preferenza verso quelli a Rna messaggero nei soggetti anziani e/o a più alto rischio di sviluppare gravi patologie.

AstraZeneca lo ritiene più consono per la popolazione in età compresa tra i 18 e i 55 anni, senza gravi malattie.

Una profilassi a largo raggio deve, comunque, essere metabolizzata, innanzitutto, dalla popolazione per essere estesa al maggior numero di persone ed essere inattaccabile dai No Vax.

Chiunque, soprattutto i cittadini meno abbienti e con scarsa informazione, ha il diritto di essere edotto, in termini circostanziati. Una parte essenziale relativa all’informazione la svolgono glki scienziati, realizzando un piano di vaccinazione ante litteram. Vaccini precursori di un futuro in cui la presenza di virus sembra essere una realtà, considerata la continua e massiccia deforestazione e, di conseguenza, la ‘convivenza’ ravvicinata tra uomo e mondo animale.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram