Press "Enter" to skip to content

Ucraina: Gruppi San Vincenzo De Paoli di Piemonte e Vda in modalità online, domani, per coordinare gli aiuti

AOSTA – Si sta mobilitando il ‘pianeta’ dell’accoglienza, degli aiuti, della fratellanza, della solidarietà per tendere una mano amica al popolo ucraino. Un mondo in cui brilla anche la ‘stella’ della Federazione Nazionale Società San Vincenzo De Paoli. Che, in Valle d’Aosta, può contare sull’opera volontaria di Angela Maria Bauso.

Alessandro Ginotta

“Domani sera, alle 21, in modalità on line – annuncia Alessandro Ginotta, capo ufficio stampa della Federazione Nazionale – i Gruppi di Piemonte e Valle d’Aosta si confronteranno per coordinare gli aiuti e le iniziative locali in favore del popolo ucraino. Per quanto attiene alla Federazione nazionale abbiamo organizzato tre iniziative. Terremo, innanzitutto, due conferenze a Kharkiv e una a Kiev con i volontari ucraini in attività sul territorio”.

Profughi accolti in Slovacchia

La seconda iniziativa – prosegue Ginotta – consiste nel garantire gli aiuti ai confini, dedicandoci, cioé, ai campi profughi allestiti a Bratislava, in Slovacchia. Uguale sostegno lo riserveremo per i due campi profughi, in Moldavia. In Italia, ci avvarremo della collaborazione dell’Associazione ‘Amici dei bambini’, rivolgendoci ai privati affinché accolgano nelle loro abitazioni madri con bambini“.

Profughi accolti in Moldavia

I bambini, i più colpiti, insieme con gli anziani, da questa guerra scatenata dal Presidente della Federazione russa Vladimir Putin.

Angela Maria Bauso

Nella conferenza online, in programma domani sera – interviene Angela Maria Bauso, coordinatrice della Conferenza San Vincenzo De Paoli di Piemonte e Valle d’Aosta – ci confronteremo per informare i volontari delle altre sedi come intendiamo agire in ogni zona. Un indispensabile scambio di idee per riservare un’accoglienza il più coordinata possibile”.

In Valle d’Aosta – continua – stanno già arrivando alcune famiglie che possono contare sul sostegno offerto dalle numerose badanti presenti da molti anni. Da parte nostra – sottolinea Angela Maria Bauso – attendiamo direttive da parte delle istituzioni per concretizzare gli aiuti. In questi casi, ritengo di fondamentale importanza il ‘lavoro di rete’ “, puntualizza, in conclusione l’esponente della ‘San Vincenzo’ regionale.

Un’attività che, in Italia, si fregia del sostegno di 1.500 Gruppi/Conferenze. L’Opera ‘San Vincenzo’ è presente in 154 Paesi del mondo con un impegno garantito da due milioni e trecento mila volontari suddivisi in 47 mila Conferenze.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram