Press "Enter" to skip to content

Tentata concussione: chiesto dal pm un anno di reclusione per Paolo Millo, medico chirurgo del ‘Parini’

AODTA – Il primario della Strutta Complessa di Chirurgia generale, dell’ospedale ‘Parini’, di Aosta, Paolo Millo, 54 anni, rischia di dover scontare un anno di carcere con l’accusa di tentata concussione.

Gli inquirenti ritengono che abbia fatto pressione su un candidato, ai primi posti della graduatoria finale di un concorso indetto dall’Usl Vda, con l’obiettivo di indurlo a rinunciare in favore di un altro medico.

Il processo si svolge con rito abbreviato davanti al gup Luca Fadda. La sentenza è attesa per il prossimo 21 luglio.

Le indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo sono state coordinate dal pm Luca Ceccanti.

I legali difensori Corrado Bellora e Vania Cirese hanno chiesto l’assoluzione “perché il fatto non sussiste. Il dottor Millo ha agito nel pieno rispetto dei suoi doveri istituzionali -ha affermato l’avvocato Bellora – senza commettere alcun reato”.

E ancora: “Il professionista non ha fatto alcuna pressione, ma ha semplicemente contattato le persone che erano in graduatoria, come è prassi fare da parte di tutti i primari, per spiegare loro cosa sarebbero venuti a fare e cosa erano in grado di fare. La graduatoria, tra l’altro scaduta – ha puntualizzato il legale – era di cinque anni prima, del 2015, e in questo arco di tempo, chiaramente, si possono anche cambiare le proprie mansioni. Parliamo dell’aprile 2020, in piena emergenza Covid, quando la chirurgia era diversa e si occupava di urgenza”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram