Press "Enter" to skip to content

Prezzo record della benzina: superati i due euro al litro

AOSTA – Il caro energia avanza al galoppo e il carburante alla pompa ha superato i due euro al litro.

Emergenza Covid e conflitto bellico stanno trascinando l’Italia in un baratro senza via d’uscita. Un quadro devastante che sembra precipitare giorno dopo giorno.

Il caro benzina e l’angoscia dei titolari delle stazioni di rifornimento: ‘Su i costi, giù gli incassi’, slogan coniato dai benzinai allarmati, e forse anche di più, di fronte ai prezzi da oreficeria raggiunti dalla benzina, ma non solo.

Vincenzo Nettis

Vincenzo Nettis, Presidente nazionale della Federazione autonoma italiana benzinai (Faib)- Confesercent e titolare di una stazione di servizio, a Torino, puntualizza: “Qualunque sia il costo della benzina e del gasolio, il nostro margine è fermo su tre centesimi e mezzo al litro. Siamo l’unica categoria di commercianti – informa – che non può traslare, neppure in parte, sui consumatori, i maggiori costi delle merci. Ma – sottolinea – i consumatori non sono tenuti a saperlo e, quindi, incolpano noi. Siamo, al contrario, entrambi vittime di questo andazzo“.

I rincari delle bollette e la pesante riduzione dei clienti vengono definiti da Nettis la tempesta perfetta’. “Abbiamo chiesto un incontro al Governo Draghi perché dobbiamo intervenire subito con misure efficaci. Chiediamo l’erogazione di cospicui sostegni in tempi immediati per pagare le attuali bollette. Ma non basta. Dobbiamo essere messi in grado – ricorda – di rimanere in piedi per attraversare questo difficilissimo periodo”.

Tiene ad evidenziare la scarsa attenzione manifestata da Palazzo Chigi verso una delle categorie strategiche per l’economia italiana. Un blocco ad oltranza delle stazioni di servizio equivarrebbe alla paralisi del Paese.

“Fino ad oggi – riprende Vincenzo Nettis – gli interventi del Governo sono stati insufficienti e non capiamo dove siano finiti i miliardi finora stanziati. “Non abbiamo mai visto un centesimo”, chiude il Presidente nazionale di Faib-Confesercenti.

S.L.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram