Press "Enter" to skip to content

Pasqua e Pasquetta con le limitazioni di Green pass e mascherina Ffp2

AOSTA – Le modalità di utilizzo della ‘certificazione verde’ e della mascherina chirurgica continuano ad essere argomento di confronto, a Palazzo Chigi. E’, comunque, certo che nei giorni di Pasqua e Pasquetta si dovranno osservare gli obblighi ancora in vigore per l’accesso in determinati luoghi.

Andiamo per ordine. L’esibizione del ‘certificato verde’ è ancora valida per le consumazioni al chiuso di bar e ristoranti, ma è sufficiente il Green pass base. ‘No’ a questo ‘passaporto’ se ci si accomoda ai tavolini dei dehor. Cade, inoltre, l’obbligo anche in alberghi, b&b e altre strutture ricettive.

Diverse le disposizioni riferite ai viaggi. Sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza, quali treni, navi, aerei sono richiesti il Green pass base e l’uso della mascherina Ffp2. Nessun ‘certificato’, al contrario, sui mezzi pubblici locali, ma è ancora richiesta la mascherina chirurgica.

Fino al 30 aprile è possibile partecipare a manifestazioni all’aperto senza esibire il Super Green pass. Cambia il tutto per gli eventi in ambienti chiusi.

Il Ministero della Cultura ha divulgato, in una nota, la possibilità di accedere a musei, parchi archeologici, mostre, biblioteche e altri luoghi di cultura senza esibire il Green pass rafforzato, ma rimane invariato l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2.

Regole immutate per la partecipazione a matrimoni e altre feste dove è richiesto il Super Green pass. Invariata l’imposizione del ‘certificato verde’ per l’ingresso nelle discoteche, ritornate a capienza totale, dove è possibile stare a viso scoperto soltanto mentre si balla in pista.

S.L.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram