Press "Enter" to skip to content

Pane a peso d’oro: attesi aumenti fino al 6,5%. Rincari anche per burro, cereali e pollo fresco

AOSTA – Il consistente rialzo del prezzo riscontrato nei 46 alimenti più richiesti dagli italiani, registrato a marzo 2022, è pari al 2,1% con una crescita che arriva fino al 10,9% rispetto a marzo 2021. Ma il prodotto che potrebbe subire ritocchi da capogiro dei prezzi è il pane, alimento di prima necessità più di altri, il cui costo potrebbe incidere fino al 6,5% in più.

Nell’indagine realizzata da Unioncamere, in collaborazione con BMTI, la Borsa Merci Telematica Italiana, risulta un ulteriore intensificazione dell’inflazione ad aprile-maggio, bimestre in cui gli aumenti dei 46 alimenti preferiti potrebbero arrivare al più 3,5% rispetto al bimestre precedente con una crescita base annua sino al 12,7%.

Lo scoppio della guerra in Ucraina, secondo quanto asserisce Unioncamere, è all’origine del rincaro dei prezzi dei principali prodotti alimentari. “Una corsa che non accenna a rallentare”, commenta il Presidente Andrea Prete.

Spiccano nei rialzi anche il pollo fresco (+4,3%) e il burro (+3,8%), aumenti dovuti alla riduzione della disponibilità a livello continentale.

Lievitazione dei prezzi si registra anche nei prodotti cerealicoli e derivati per effetto dei costi consistenti delle materie prime.

S.L.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram