Press "Enter" to skip to content

Nuovo decreto: fine del sistema a colori delle Regioni e ‘mini’ lockdown per i non vaccinati, dal 1 aprile

AOSTA – Nel graduale allentamento delle restrizioni anti Covid-19, il Premier Mario Draghi e il Ministro della Salute Roberto Speranza hanno sancito l’addio alle ‘zone a colori’ delle Regioni.

Dal 1 aprile 2022, in Italia scompariranno le fasce bianca, gialla e arancione; rimarrà la ‘riserva’ della ‘zona rossa’ qualora la situazione epidemiologica lo imponga e, in contemporanea, si verifichi il superamento del 40% dei posti letto in area medica e del 30% in Terapia Intensiva.

In questo decreto Covid sono state, inoltre, definite altre ‘riforme’: gli stadi avranno, di nuovo, una capienza al completo , lo ‘stop‘ alla quarantena da contatto con un caso positivo al virus e la didattica a distanza prevista soltanto per chi ha contratto il virus.

Nonostante i contagi abbiano ripreso a dilagare in alcune Regioni, il Governo ha esaudito le richieste degli Enti locali. L’area di rischio massimo scatterà, quindi, soltanto nel caso venga superata una serie di paramenti di occupazione dei posti letto ospedalieri.

Nelle nuove disposizioni governative ricompare anche lo ‘spettro’ del lockdown per quei cittadini che non si sono ancora vaccinati e hanno avuto un contatto con un positivo al Covid. Per loro è previsto un ‘lockdown’ ridimensionato. Vale a dire: possono uscire di casa solo per motivi di salute, lavoro o necessità comprovate. Non possono spostarsi dal proprio Comune o dalla propria Regione se non per gli stessi motivi sopracitati e comprovati da certificazione medica.

Per i non vaccinati, infine, non cessa l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto e nei luoghi al chiuso.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram