Press "Enter" to skip to content

Madre violenta condannata a tre anni e sei mesi di reclusione

AOSTA – Era agli arresti domiciliari da maggio 2021 la donna, 40 anni, residente ad Aosta, badante. Oggi, martedì 1 marzo, il giudice monocratico, del Tribunale di Aosta, Marco Tornatore ha emesso una condanna a tre anni e sei mesi di carcere.

E’ accusata di gravi maltrattamenti ai danni dei due figli di 14 e 17 anni. Adolescenti oppressi, da mattina a sera, senza motivo, vittime di una madre/matrigna a cui, considerato il suo terrificante comportamento, è stata anche applicata la sospensione, per sette anni, dall’esercizio della patria potestà genitoriale. Non solo. Ai due giovani verranno erogati 20 mila euro ciascuno come provvisionale.

Nell’inferno in cui vivevano i due figli venivano inflitte autentiche torture con coltelli e forchette arroventati. La madre, oltre ad umiliarli per il loro sovrappeso, li istigava all’autolesionismo, procurando loro delle lamette.

Ragazzi che, dopo l’arresto della donna (i due padri non se ne sono mai occupati) sono stati accolti in comunità. Hanno raccontato la loro terribile odissea ai Carabinieri della Compagnia, di Aosta, dopo essere fuggiti da casa, nella notte tra il 12 e il 13 maggio scorso. Una decisione estrema dettata dal terrore e dalla disperazione conseguenti alle minacce della madre di tagliare loro la gola. Intimidazioni aggravate dal coltello brandito dalla donna.

Non è tutto. La quotidianità dei due adolescenti era scandita da continue persecuzioni senza alcune motivo. Un orrore perpetrato da colei che avrebbe dovuto proteggerli, amarli, inondarli di affetto e attenzioni.

Ora, i ragazzi, grazie alle premure del personale della comunità, potranno riprendersi in mano la loro vita, guardando ad un futuro con maggiore ottimismo, con serenità. Per quanto possa essere rasserenante dopo anni di crudeli sevizie fisiche e psichiche.

S.L.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram