Press "Enter" to skip to content

M5s: “Atto di ‘bullismo politico’ verso la consigliera Minelli”

AOSTA – Il ‘bullismo’ sconfina anche nei palazzi della politica quando diventa il perno di accuse infondate.

Il M5s della Valle d’Aosta respinge al mittente la richiesta di istituire una commissione, prevista dall’articolo 58 del regolamento del Consiglio regionale, riferita ai fatti che ledono l’onorabilità di un consigliere, voluta dal capogruppo UV Aurelio Marguerettaz e dal consigliere dello stesso Movimento Giulio Grosjacques; nello specifico viene definita ‘bullismo politico’.

Chiara Minelli

In una nota, Simone Nigrisoli, esponente ‘pentastellato’, dichiara il massimo appoggio alla consigliere in questione: “Diamo il pieno sostegno alla consigliera del PcP Chiara Minelli e ci aspettiamo uguale posizione da parte di tutta la politica valdostana. L’intimidazione e la negazione del confronto politico con l’opposizione, sono un atteggiamento inaccettabile in un’aula democratica come è quella del Consiglio regionale”.

Nella nota, si evidenzia il motivo per cui i due esponenti unionisti chiedono la ‘commissione’.

In sostanza, il rappresentante ‘pentastellato’ puntualizza come Minelli abbia, semplicemente, fatto presente che il testo, approvato il 3 marzo scorso dalla Giunta, relativo alla proposta del Piano Trasporti da avviare alla procedura di Valutazione Ambientale strategica “sia lo stesso – sottolinea Nigrisoli – bocciato, ripetutamente, dalla Giunta a febbraio e marzo 2021, quando lei era assessore. Ci chiediamo – rimarca nella nota – come un’interrogazione basata su una semplice osservazione, possa aver leso l’onorabilità di qualcuno tanto da far richiedere, addirittura e per la prima volta nella storia della politica valdostana, l’istituzione di una commissione sulla ‘difesa d’onore’ “.

Un atteggiamento ritenuto da Simone Nigrisoli “sintomo di un nervosismo che esprime la debolezza di questo Governo regionale, incapace di reggere alcun tipo di confronto e che, pertanto, cerca di risolvere le sue debolezze con l’intimidazione“, conclude la nota.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram