Press "Enter" to skip to content

‘Lessico e Nuvole’, il libro da leggere, in vacanza, per capire la realtà dei cambiamenti climatici

AOSTA – Parafrasare il titolo di un famoso brano musicale dell’indimenticabile cantautore Enzo Jannacci, ‘Messico e Nuvole’, per incuriosire i lettori e introdurli nella rivoluzione planetaria dei fenomeni correlati al clima.

Lessico e Nuvole’ è un’opera letteraria, on line, in cui Tommaso Orusa, dottore forestale e coautore insieme con ricercatori dell’Università degli Studi, di Torino, del Politecnico e del Consiglio Nazionale Ricerche, offre a studenti e cittadini “uno strumento utile – spiega – per interpretare, interiorizzare e comprendere, al meglio, i radicali cambiamenti climatici“.

dottor Tommaso Orusa

Un vero e proprio volume redatto per proporre l’informazione in una forma filologica innovativa, con termini appropriati e comprensibili da tutti. ‘Lessico e Nuvole’ si rivela una guida linguistica e scientifica in grado di agevolare il lettore nella scelta degli argomenti allineati ai suoi interessi.

“In Italia – sottolinea il dottor Orusa – i negazionisti contestano i cambiamenti climatici, in quanto si basano sulla meteorologia di una o, al massimo, due stagioni passate, anziché consultare i dati ‘meteo’ divulgati dopo anni di studi approfonditi”.

Non è un caso se alla cura di questo progetto letterario hanno partecipato Agorà Scienza e UniToGO, istituzioni medico-scientifiche impegnate nel contribuire all’organizzazione di dibattiti pubblici sulle tematiche ambientali.

In questo ‘Lessico’ intercalato fra le ‘Nuvole’ spiccano duecento sostantivi correlati ai cambiamenti climatici in un’ottica interdisciplinare, “con interventi di medici – anticipa Orusa – veterinari, giuristi, psicologi. Cento pagine dedicate a chiunque desideri acquisire maggiore consapevolezza rispetto alla complessità del fenomeno e delle sue conseguenze”.

E’ in fase di preparazione un secondo volume in cui questo coinvolgente argomento verrà illustrato e descritto in quattrocento pagine. Il titolo? “Sempre lo stesso”, assicura Tommaso Orusa, invitando, con simpatica ironia, i cittadini a “scendere dalle nuvole su cui si sono ‘accomodati’ per addentrarsi con maggior interesse nello splendido ‘pianeta’ della meteorologia”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram