Press "Enter" to skip to content

Italia a colori: da oggi il Bel Paese si presenta con un unico colore, il bianco

AOSTA – L’ingresso, con tre giorni di anticipo, della Valle d’Aosta in ‘zona bianca’ consente di raggiungere l’obiettivo tanto atteso: una ‘dimensione cromatica’ uniforme dello Stato italiano.

La Regione alpina è stata collocata nella ‘quarta fascia’ con un’ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza, considerata la situazione sanitaria in costante miglioramento.

Il numero dei nuovi contagi è ai minimi (il bollettino di ieri, 27 giugno riportava due nuovi casi su 200 tamponi effettuati) con una discesa a 36 del totale dei contagiati.

Il reparto di Malattie Infettive dell’ospedale regionale ospita, ad oggi, un unico paziente e sono rimasti 35 cittadini in isolamento e terapia domiciliare. Continua ad essere Covid free la Terapia Intensiva.

Con l’accesso in area bianca’ è caduto l’obbligo di indossare la mascherina almeno in luoghi aperti. Ma, i governatori raccomandano di portarla sempre con sé in quanto, in caso di assembramento o di accesso in luoghi chiusi, è opportuno coprirsi il viso. Un addio, pertanto, da considerare con circospezione.

Si sta andando verso una graduale riduzione delle restrizioni, considerata, tra l’altro, la notevole percentuale di cittadini vaccinati.

Il Sars-CoV-2, in ogni caso, è tutt’altro che scomparso; si sta ripresentando sotto forma di variante, la Delta, in primis, che non si rivela più mortale, ma, di certo, con trasmissibilità più elevata.

Il periodo a cui stiamo andando incontro è contrassegnato da una maggiore libertà, ma, nel contempo, molto più delicato. I governatori ribadiscono, quindi, l’importanza di attenersi alle regole che invitano alla massima prudenza. Il tutto, nell’ottica di scongiurare, con l’arrivo dell’autunno, una nuova ondata di Sars-CoV-2.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram