Press "Enter" to skip to content

Infermiera a giudizio per misure restrittive, non autorizzate, verso un’anziana ospite di Rsa

AOSTA – Sequestro di persona. Con questa accusa, un’operatrice sanitaria di 57 anni, dipendente di una Rsa, di Aosta, andrà a processo il prossimo 4 marzo. Titolare del fascicolo è il pm Francesco Pizzato.

I giudici del Tribunale, di Aosta, dovranno appurare i motivi per cui la donna avrebbe legato al letto per i polsi l’anziana ospite della Residenza Sanitaria Assistita. Metodi ritenuti ingiustificabili dalla direzione della struttura. Che ha segnalato il fatto alla Procura dopo un’indagine interna.

L’anziana si era confidata con un’altra infermiera che, a sua volta, aveva riferito l’accaduto alla direzione. Questa la spiegazione dell’operatrice imputata: “Ho legato i polsi dell’anziana per impedirle di togliersi l’ossigeno“.

Una iniziativa priva del minimo supporto medico. Da una accurata visita, non sono stati rilevati segni che attestino eventuali sofferenze patite dall’anziana.

Anche la direzione della Rsa ha avviato un procedimento disciplinare.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram