Press "Enter" to skip to content

Indetto per domani lo sciopero di Vigili del Fuoco e Forestali: “La politica valdostana continua a tacere”

AOSTA – ‘Invaderanno’ Place Deffeyes i Vigili del Fuoco e gli agenti del Corpo Forestale della Valle d’Aosta.

Si schiereranno sotto il palazzo regionale, domani mercoledì 20 aprile 2022, per manifestare contro l’inerzia della politica.

Le maestranze di entrambi i Corpi, iscritte ai sindacati, hanno rilasciato le loro dichiarazioni all’Agenzia Ansa.

Agenti del Corpo Forestale Valdostano

Franco Trèves, forestale del Savt: “La vicenda si trascina dal 2018 e non è mai stata inserita nell’agenda dei politici. Chiediamo, quindi, la revisione della legge regionale sul Corpo Forestale, un intervento per sopperire alla carenza di personale (110 agenti in servizio su una dotazione prevista di 160), l’equiparazione previdenziale agli altri Corpi nazionali e l’allineamento dell’indennità di pubblica sicurezza alle altre Forze dell’Ordine. Non chiediamo – ha sottolineato, in chiusura – elemosina, né favoritismi”-

Giuseppe Vona, Vigile del Fuoco della Cgil, ha dichiarato: “E’ necessaria l’istituzione di un comparto della sicurezza e del soccorso. Chiediamo, inoltre, la norma attuativa per l’equiparazione della previdenza ai Corpi statali. Dalla politica vogliamo un impegno. Da quattro anni abbiamo solo silenzio”.

Anche il Vigile del Fuoco Roberto Uva, sindacato Conapo, ha puntualizzato: “Le nostre richieste vanno dal superamento della carenza di personale, con 156 vigili operativi su un organico previsto di 230, alla creazione di un distaccamento in Bassa Valle, dalle nostre specificità che devono essere riconosciute nel contratto, alla previdenza. Ci sentiamo abbandonati e le conseguenze ricadono sulla popolazione”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram