Press "Enter" to skip to content

Incendi boschivi nel pieno dell’inverno, Coldiretti: migliorare la gestione del territorio

AOSTA – Vento e siccità: i due elementi causa prioritaria degli incendi boschivi divampati nella stagione invernale. Roghi che, stando alle stime di Coldiretti, sono triplicati rispetto allo stesso periodo del 2021.

L’allerta, ai massimi livelli, impegna il Dipartimento di Protezione Civile con personale a terra e flotta aerea statale.

Incendi provocati dal terrificante connubio di venti forti e piogge quasi assenti. Territori inceneriti, tempeste di fuoco che hanno divorato migliaia di ettari di territorio italiano.

Il devastante incendio scoppiato nei boschi del Comune di Fontainemore ha sancito la firma del decreto di” grave pericolosità di incendio boschivo” da parte del Presidente della Regione Valle d’Aosta Erik Lavevaz su tutto il territorio regionale non innevato.

Fino a quando “non si verificheranno precipitazioni consistenti, dovranno essere autorizzate dalle Stazioni del Corpo Forestale Valdostano tutte le accensioni che non siano espressamente vietate per legge”.

Inoltre, il decreto raccomanda di “astenersi dal gettare oggetti incandescenti dai finestrini degli automezzi, in special modo fiammiferi e mozziconi accesi”.

Per i trasgressori sono previste sanzioni pari a 4.128 euro.

S.L.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram