Press "Enter" to skip to content

Green pass: scade, oggi, l’obbligo di esibizione per l’ingresso in Italia

AOSTA – Continua la fase di graduale allentamento delle restrizioni anti Covid. Da oggi, mercoledì 1 giugno 2022, non è più richiesta l’esibizione del Green pass per entrare in Italia. Lo ha previsto un’ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza.

In assenza, quindi, del ‘passaporto’ che certifichi l’avvenuta vaccinazione, la guarigione o in mancanza di un tampone negativo, non sarà più richiesta la quarantena di 5 giorni, né per i turisti, né per chi rientra in Italia.

Questa nuova eliminazione apre anche all’avvio della chiusura delle navi quarantena, dopo che gli ultimi migranti ancora a bordo avranno completato il periodo di isolamento.

Da oggi, a chi arriverà via mare con le navi ong o a bordo dei gommoni, non verrà più imposta la quarantena prima di poter sbarcare e verrà sottoposto ai controlli sanitari a terra.

Ma, la ‘ certificazione verde’ sarà ancora obbligatoria, fino al 31 dicembre 2022, per l’ingresso nelle strutture sanitarie.

In vigore rimane ancora la vaccinazione per gli over 50 che, comunque, scadrà il prossimo 15 giugno.

E le mascherine? Non c’è ancora nulla di definito. Nelle prossime due settimane, il Governo Draghi deciderà se abolirle, al completo, nei luoghi in cui vige ancora l’obbligo: teatri, sale concerto, cinema, mezzi di trasporto locali e a lunga percorrenza, palazzetti dello sport al chiuso.

Discorso a parte per la scuola. Il Ministro della Salute Roberto Speranza potrebbe decidere il mantenimento dei dispositivi di protezione fra i banchi fino al termine dell’anno scolastico, inclusi, pertanto, gli esami di maturità e di terza media.

Questa la dichiarazione rilasciata su SkyTg24: “Sono tutte valutazioni da compiersi. Ad oggi, comunque, non abbiamo intrapreso alcuna decisione. La consistente partecipazione alla campagna anti Covid e l’altissima protezione garantita dai vaccini sono il punto di forza del Paese. Guardiamo con fiducia alle prossime settimane”, la chiosa conclusiva.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram