Press "Enter" to skip to content

Green Pass, Confcommercio Vda: “I controlli? Spettano alle Forze dell’ordine non ai titolari degli esercizi”

AOSTA – Alle proteste di piazza dei ‘No Green Pass’ si aggiunge quella di ufficio di Fipe-Confcommercio Valle d’Aosta che, tramite il suo Presidente Graziano Dominidiato puntualizza: “Non contestiamo la decisione del Governo, ma non devono essere i titolari degli esercizi pubblici delegati al controllo; i nostri doveri sono ben altri. I controlli competono alle Forze dell’ordine o al personale che il Governo deciderà di inviare sul territorio. E’ di tutta evidenza – prosegue Dominidiato -la necessità che le scelte in materia di igiene siano adottate con grande accortezza e tenendo sempre in stretta connessione le ragioni del contrasto della pandemia con quelle di una difficilissima, e ancora presente, ripartenza dell’economia”.

Graziano Dominidiato

L’obbligo di esibire la ‘certificazione verde’, in vigore dal 6 agosto, per accedere a locali pubblici, oltre che cinema, teatri, piscine, centri termali, parchi tematici, sta sconvolgendo gli operatori di questi comparti. Problema che si aggiunge ad altri ostacoli affrontati in questo anno e mezzo di pandemia e di varie chiusure degli esercizi commerciali.

Per i gestori dei locali è prevista una sanzione, nel caso in cui ignorino le regole; vale a dire, un esborso tra i 400 e i mille euro.

Ancora Dominidiato: ” I gestori di bar e ristoranti non sono pubblici ufficiali e, come tali, non possono assumersi responsabilità che spettano ad altri. E’ impensabile – sbotta il Presidente di Fipe-Confcommercio Vda – che con l’attività frenetica che caratterizza questi locali, titolari o dipendenti possano mettersi a chiedere alle persone di esibire il loro Green Pass, seppure – ribadisce – noi siamo favorevoli a queste regole. Ma deve essere introdotto in chiave positiva e non punitiva”.

Lancia, in proposito, l’idea di un’autocertificazione che esuli i titolari da ogni responsabilità. Coloro che dichiarano il falso lo faranno a loro rischio e pericolo.

“Ci impegneremo, in fase di conversione in legge del decreto – conclude Graziano Dominidiato – affinché questo avvenga”.

S.L.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram