Press "Enter" to skip to content

Giornata Mondiale contro l’Aids: diagnosticati sei nuovi casi in Vda

AOSTA – Nella Giornata Mondiale contro la Sindrome da Immunodeficienza Acquisita, Aids, indetta, ogni anno, il 1 dicembre, sono emersi sei nuovi casi, in Valle d’Aosta, nell’anno in corso. Tre uomini e tre donne. Lo stesso numero è stato rilevato nel 2020.

Lo comunicano i medici della Struttura Semplice di Infettivologia dell’ospedale ‘Parini’, di Aosta. In particolare, la Direttrice Silvia Magnani informa: “Tre casi sono stati rilevati in ambulatorio, nel periodo antecedente alla pandemia e nel periodo in cui la pressione dell’emergenza era meno intensa. Altri tre sono emersi dalla diagnostica di pazienti ricoverati per patologie concomitanti. Purtroppo, per due pazienti la malattia era in fase troppo avanzata per consentire la sopravvivenza, nonostante – puntualizza l’Infettivologa – l’importante sforzo messo in campo con terapie antiretrovirali e di supporto aggressive”.

Si sofferma, poi, su una situazione penalizzante: “L’emergenza sanitaria continua a togliere risorse alla gestione delle malattie croniche. Se, da una parte, grazie alle vaccinazioni il numero dei ricoveri e di occupazione delle Terapie Intensiva per Covid è nettamente inferiore rispetto a un anno fa e se abbiamo la possibilità di agire tempestivamente contro il Covid con gli anticorpi monoclonali, il Remdesivir e le terapie antinfiammatorie specifiche, dall’altro lato, il carico sulle spalle della struttura ospedaliera per la gestione di casi gravi tra i non vaccinati e per la somministrazione di terapie tempestive ed efficaci in pazienti a rischio e privi di dose booster, rischia di rallentare la continuità dell’attività ambulatoriale”.

“Tutto questo – sottolinea la dottoressa Magnani- pone i nostri pazienti in difficoltà rispetto alle opzioni terapeutiche successive, nonostante gli ottimi risultati ottenuti anche nella Regione Valle d’Aosta, come nel resto d’Italia, nella gestione di questa grave malattia e nel recupero di questi pazienti alla vita sociale e lavorativa”.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram