Press "Enter" to skip to content

Fiera di Sant’Orso: la ‘Millenaria’ 2021 presenta il nuovo ‘volto’ sulla rete

AOSTA – Emozioni, sensazioni, curiosità, entusiasmo, allegria e desiderio di ‘esserci’ sono rimasti immutati. Il fascino coinvolgente della ‘Fiera di Sant’Orso’ attira una folla di visitatori anche in questa forma inusuale, la prima dal suo esordio, l’Anno Mille, nel borgo di Sant’Orso, con l’esposizione dei tipici ‘sabot’.

L’opportunità di ammirare i capolavori realizzati dagli artisti-artigiani è garantita online, una scelta imposta da un’emergenza sanitaria anch’essa senza precedenti. Due realtà che si confrontano, senza, peraltro, annullarsi, ma concedendo a residenti e cittadini delle altre Regioni di ‘partecipare’ alla manifestazione, evitando il pericolo del contagio.

Oggi, 29 gennaio, giorno che precede la ‘due giorni’ della ‘kermesse’ più altisonante e conosciuta nell’arco alpino, in città si respira, comunque, l’atmosfera della ‘Foire’. E gli espositori si compiacciono di essere presenti in una ‘vetrina’ mondiale, raggiungibile in ogni angolo del Pianeta, ammirata anche da chi potrebbe non avere mai visto la ‘Fiera delle Fiere’.

Sarà, ancora una volta, il trionfo dell’artigianato in legno, pietra ollare, ferro battuto, vetro, rame; sarà, soprattutto, la soddisfazione di aver sopraffatto la ‘prepotenza’ della pandemia, presentando i pezzi unici e irripetibili dei nostri artisti-artigiani. Non mancherà la magica atmosfera riservata dalla ‘Foire de Saint Ours’. Né si rimpiangerà la Festa allestita da un’organizzazione impeccabile. L’edizione 1021 di ‘Sant’Orso’ echeggerà sul web anche con la parte musicale tipica della Vallée d’Aoste.

Una Fiera tutta da ammirare e ascoltare, in una nuova forma, ma, di certo, non meno entusiasmante. L’importante è non aver interrotto questo prestigioso appuntamento con l’artigianato di tradizione che, ormai, vanta estimatori provenienti da tutto il mondo.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram