Press "Enter" to skip to content

Ferrovia AO-P.St.Didier, sindaco Bieller: “La riapertura? Sì, ma per turismo. No trasporto pubblico”

PRE SAINT DIDIER – Una imponente riqualificazione, innanzitutto. E, poi, una destinazione riservata al settore turistico.

Riccardo Bieller, sindaco di Pré Saint Didier, si esprime con impeto, quasi a voler dimostrare il suo sconcerto nel dover assistere, da anni, ad un progetto che, ormai, appartiene ad un passato remoto, inattuabile, inadeguato alle aspettative dei cittadini di una Regione in cui confluisce un turismo mondiale.

La tratta ferroviaria Aosta-Pré-Saint-Didier è diventata il rovello dei vari amministratori regionali a cui viene affidato il Dicastero dei Trasporti. Progetti, idee, piani lavoro, studi non hanno ancora definito il destino di questa strada ferrata. O meglio. Ne hanno delineato possibili programmi di rivalutazione, mai portati a compimento.

Riccardo Bieller ha le idee chiare; quantomeno propone soluzioni allineate al contesto sociale e alle relative esigenze di residenti e turisti. “La riqualificazione della tratta – dice – deve essere supportata da un trasporto veloce. Ritengo, inoltre, che sia fondamentale prevedere un trasporto che non includa studenti e abitanti, ma riservato, in esclusiva, ai turisti. Il trasporto pubblico può continuare con l’utilizzo di autobus, purché siano quelli elettrici. E’ una questione ambientale e di costi. Gli stessi mezzi dovrebbero essere prioritari per il collegamento stradale Pré-Saint-Didier-Courmayeur”.

Riccardo Bieller

La presenza di stazioni ferroviarie di paese lungo la tratta dell’Alta Valle incentiva il sindaco del paese delle Terme a caldeggiare anche la ristrutturazione di queste storiche palazzine. Le ritiene punti di riferimento suggestivi per i villeggianti. Ricorda, in proposito, gli anni in cui il treno viaggiava con regolarità e trasportava, ogni lunedì, gruppi organizzati dalla parrocchia di Torino, con destinazione le Terme. Aggiunge: “Vorrei che si pensasse alla costruzione di una tratta ferroviaria Torino-Aosta con l’Alta Velocità”, conclude Riccardo Bieller.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram