Press "Enter" to skip to content

Covid: una strada e una stele dedicate alle vittime della pandemia, all’interno del cimitero di Aosta

AOSTA – Lo ha annunciato Gianni Nuti, sindaco della città capoluogo, durante i lavori dell’Assemblea cittadina: “Alla via maestra che conduce al Tempio crematorio verrà attribuita la denominazione Via Vittime del Covid‘. Una struttura in ricordo dei 150 valdostani morti in completa solitudine“.

L’anticipazione di questa iniziativa ha risposto ad una mozione (poi respinta) presentata dal Gruppo di minoranza ‘Rinascimento Valle d’Aosta’; istanza in cui veniva chiesta l’implementazione di una iniziativa attinente alla drammaticità della pandemia da Covid.

Il 18 marzo prossimo è la data scelta per l”inaugurazione dell’area; una data emblematica in cui si celebra la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di coronavirus.

E’ un’opera semplice e lineare, – ha informato il sindaco – ma di alto significato simbolico. L’idea è celebrare una giornata con una piccola, sobria, ma anche densa cerimonia, un po’ teatrale e un po’ musicale all’interno del cimitero. Intendiamo sottolineare – ha specificato Nuti – un aspetto che, dal punto di vista antropologico, è quasi una punta estrema del nostro vivere, cioé la solitudine del morire e l’impossibilità di celebrare questo passaggio”.

Ancora Gianni Nuti:_ “E’ l’aspetto che prenderemo in particolare considerazione. Verranno, quindi, citate le, circa, 150 persone che non hanno avuto la possibilità di essere seppellite con un rito laico o religioso che fosse e che, pertanto, se ne sono andate senza essere accompagnate dai proprio cari”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram