Press "Enter" to skip to content

Covid: Omicron 5 ‘dirige’ l’aumento dei contagi

AODTA – Liberi dalle mascherine, liberi di andare, di fare, di gestire la propria quotidianità con massima disinvoltura. Liberi di tuffarsi negli affollamenti.

Insomma, un ‘liberi tutti’ e liberi da tutto che ha ricominciato a presentare un conto salatissimo: l’aumento esponenziale di contagi in Valle d’Aosta e in molte altre Regioni italiane.

Non solo. Ai 101 nuovi casi di positività registrati ieri, martedì 20 giugno 2022 nella Regione alpina, si aggiungono i 20 ricoveri al ‘Parini’, di cui uno in Terapia Intensiva. Il picco è atteso a fine luglio, secondo quanto previsto dalla classe medico-scientifica.

Il tasso di positività ha superato il 20%, a livello nazionale. L’emergenza Covid è tutt’altro che al tramonto. Continua ad essere più che mai presente, affievolita soltanto dal caldo torrido del periodo.

Gli Scienziati parlano, comunque, di nuova ondata Covid, causata dalla variante Omicron 5 che continuerà ad alzarsi e a generare nuove infezioni e reinfezioni anche di una certa gravità.

La gran parte di Virologi, Infettivologi e Immunologi raccomandano di non abbandonare la mascherina nei luoghi affollati, soprattutto. Precauzione che, come è palese, viene osservata con estrema superficialità.

Omicron 5 è quattro volte più forte della normale influenza, scandiscono gli Studiosi, caldeggiando il dispositivo di protezione anche al mare dove c’è assembramento.

I vaccini hanno assicurato un notevole rallentamento della pandemia, ma la protezione sta svanendo, considerato che la maggior parte della popolazione ha completato il ciclo sei mesi fa, circa.

Gli Scienziati non si stancano di sottolineare che “le ultime varianti del Sars-CoV-2 si trasmettono con una velocità accelerata ai soggetti fragili e agli anziani. Categoria, quest’ultima, che deve immunizzarsi con la quarta dose e continuare ad indossare la mascherina.

Sulla sua pagina Facebook, l’Infettivologo Matteo Bassetti, Direttore delle Malattie Infettive dell’ospedale San Martino, di Genova, ha scritto: “Oggi, il Covid è diventata una malattia curabile e gestibile con facilità se viene presa in carico da mani esperte. Questo continuo gridare al lupo al lupo non serve a nessuno. Basta con il dire che l’estate sarà compromessa dall’aumento dei contagi”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram