Press "Enter" to skip to content

Covid: i dati epidemiologici condannano la Vda al passaggio in ‘arancione’

AOSTA – Con il report Covid, divulgato ieri 13 gennaio, nel bollettino regionale dell’Unità di crisi, la Valle d’Aosta è ad un passo dalla retrocessione in ‘zona arancione’.

L’occupazione dei posti letto in della Terapia Intensiva ha raggiunto il 21%; nell’area non critica il 54%. Percentuali emerse nel monitoraggio odierno dell’Istituto Superiore di Sanità-Ministero della Salute.

Da lunedì 17 gennaio, quindi, la Regione alpina retrocederà nella ‘fascia arancione’, ritrovandosi ad affrontare restrizioni molto più rigide delle attuali.

La corsa incontenibile della variante Omicron, aggravata dal perdurare di un numero molto elevato di cittadini over 50 non vaccinati, definiscono una realtà in cui, al cambiamento cromatico, si allinea una penalizzante quotidianità per la popolazione.

L’ultima parola compete al Ministro della Salute Roberto Speranza che, alla luce dei nuovi dati della cabina di regia in riunione nelle prossime ore, firmerà l’ordinanza della nuova ‘mappa colorata’.

Ad oggi, l’Italia è quasi tutta ‘gialla’; in ‘fascia bianca’ rimangono le Regioni Basilicata, Campania, Molise, Puglia e Sardegna.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram