Press "Enter" to skip to content

Covid-19: “Il ritorno del virus? Ce lo aspettavamo. Siamo preparati”

AOSTA – Il ricovero, al ‘Parini’, di un paziente Covid, dopo giorni di totale assenza, non ha colto di sorpresa i medici. Nè si sono stupiti del rimbalzo dei nuovi positivi, seppure di entità molto contenuta.

“Ce le aspettavamo – dichiara Silvia Magnani, Infettivologa, Direttrice della Struttura Semplice di Infettivologia dell’ospedale regionale -. Siamo preparati ad accogliere qualunque situazione. Abbiamo richieste per la somministrazione degli anticorpi monoclonali. La persona ricoverata è un missionario vaccinato, a marzo, con vaccino cinese, ricoverato nel nostro reparto per aver contratto una polmonite”.

Silvia Magnani

La dottoressa spiega come il predicatore sia ritornato in Italia con un volo da un Paese straniero. “Ritengo sia proprio quel viaggio la possibile occasione di rischio del contagio. Ma, – ribadisce – siamo pronti. Sapevamo che il virus avrebbe ripreso a circolare dopo una breve tregua“.

La campagna vaccinale, in Valle d’Aosta, sta proseguendo nel migliore dei modi. All’open day dello scorso venerdì 23 luglio, erano presenti molti giovani, soprattutto, categoria di cittadini che ha preso coscienza dell’importanza di una immunizzazione proprio nella fascia di età adolescenziale per scongiurare il propagarsi della grave infezione polmonare.

Ad oggi, la regione alpina tiene il passo con le altre Regioni; la consapevolezza che il vero e, per ora, unico nemico del Sars-CoV-2 può essere soltanto il il vaccino, ha responsabilizzato anche chi non sembrava aver interiorizzato la gravità del contesto sanitario, aggravato dalla Delta. Variante priva dei connotati di maggiore mortalità, ma, di certo, molto più contagiosa.

“E’ inutile illudersi – divulgano gli Scienziati mondiali -. Il Covid-19 continuerà a circolare fra noi ancora per un tempo indefinito, presentandosi in molteplici nuove forme più o meno gravi. Non ignoriamo la profilassi anti Sars-CoV-2″, raccomandano.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram