Press "Enter" to skip to content

Covid-19, Gimbe: aumento del 22% di contagi in sette giorni, in Valle d’Aosta

AOSTA – La speranza di vedere la luce in fondo al tunnel è frenata dai riscontri divulgati nel report della Fondazione Gimbe, in cui viene evidenziato che, nel volgere di sette giorni, i contagi, in Valle d’Aosta, sono aumentati del 22%.

Un rialzo registrato, cioè, dal 2 all’8 marzo. Picco pari a 1.057 positivi ogni 100 mila abitanti, con un aumento del 22,8% dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente.

A livello nazionale, risulta un’inversione di tendenza della curva dei contagi pari al 9,8% con il 5,9% di pazienti Covid, in Terapia Intensiva.

Preoccupa il tasso di vaccinazioni, molto al di sotto della percentuale nazionale. Nella Regione alpina è del 78,3%, sul territorio nazionale è arrivato all’83,6%; alla percentuale regionale va aggiunto un ulteriore 2,4% a fronte della media nazionale pari a 1,9% di vaccinati con la prima dose.

Superiore alla media nazionale è il tasso di vaccinati con la terza dose pari all’86,7%, (nazionale 82,8%); è, al contrario, inferiore la percentuale di immunizzati con la quarta dose: 0,1%, mentre in Italia è del 2,4%.

La popolazione in età compresa tra i 5 e gli 11 anni che ha completato il ciclo vaccinale è del 21.8%, molto al di sotto della media nazionale arrivata al 32,3%. Alla percentuale riscontrata in Valle d’Aosta si deve aggiungere il 3,2% solo con prima dose. In Italia è, invece, del 4,8%.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram