Press "Enter" to skip to content

Covid-19: Cartabellotta lancia l’allarme: “Circolazione virus ancora molto alta”

AOSTA – La recente impennata di contagi, registrata a Hong Kong, è alla base dell’allarme lanciato da Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe: “La circolazione virale è ancora alta. Il problema è tutt’altro che risolto e il rischio è di ridurre l’attenzione, rivolgendola alla drammatica situazione ucraina”.

Le dichiarazioni rilasciate su Radio Cusano Campus hanno un unico obiettivo: smentire, al completo, il contenuto di un editoriale scritto da Eric Topol, Direttore del Centro di ricerca californiano, tra i più grandi Scienziati nel settore biomedico.

Nino Cartabellotta

Queste le affermazioni contestate: “La pandemia è finita. Le mascherine non servono più. Ormai abbiamo arginato il virus. Dimenticatevi dei vaccini perché, comunque, non funzionano, come pensavamo. Le persone vulnerabili sono protette e le nuove varianti saranno benigne. Peccato – sottolinea il Presidente Gimbe – che nessuna di queste dichiarazioni sia vera“.

Nino Cartabellotta replica, quindi, avvertendo la popolazione : “Il virus continua a circolare nel nostro Paese, in termini elevati. In alcune Regioni si sono abbassati i contagi, ma in altre si registra qualche aumento. Il dato nazionale – specifica – è in diminuzione nelle principali Regioni del Nord. Ma, nel Centro Sud stiamo verificando un’inversione di tendenza”.

Tiene, in proposito, a puntualizzare come molti over 50 non siano ancora vaccinati o privi della terza dose.” Rischiano forme di malattia più grave“, ribadisce e raccomanda di mantenere “l’elevato tasso di vaccinazioni. Hong Kong -ricorda – aveva puntato molto sulla strategia zero Covid e molto meno sull’immunizzazione. Ora, però, sta combattendo contro un’impennata di casi positivi mai vista prima. Il tasso di profilassi anti Covid – riferisce Nino Cartabellotta – non supera il 70% e sono state somministrate pochissime terze dosi. La pandemia non è finita – ripete in chiusura-. E’ indispensabile continuare a monitorare le coperture vaccinali”.

S.L.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram