Press "Enter" to skip to content

Covid-19: aumentano i positivi e si riducono le guarigioni

AOSTA – La Fondazione Gimbe denuncia una performance in peggioramento con 951 nuovi contagi ogni 100mila abitanti, in Valle d’Aosta ed evidenzia la riduzione del 12,5% dei nuovi casi positivi rispetto alla settimana precedente, compresa tra il 23 e il 29 marzo 2022.

Nel bollettino regionale dell’Unità di crisi odierno si segnalano 61 nuovi contagi, otto in più di ieri, con un totale attuale di 1.213 e uno complessivo di 32.623.

Diminuisce, per contro, il numero delle guarigioni da Covid: i 38 registrati oggi, giovedì 31 marzo 2022, risultano 12 in meno rispetto ai 50, di ieri.

Oggi, ritorna azzerato il settore dei decessi per infezione da Covid, con un totale invariato su 525.

Lo zero vale ancora per la situazione ricoveri di pazienti Covid in Terapia Intensiva, mentre se ne registrano 20 in area medica, uno in più delle 24 ore precedenti. Aumentano, in maniera significativa, gli isolamenti domiciliari: 1.193 a fronte dei 1.172 segnalati ieri.

Oggi, sono stati effettuati 199 test e 869 tamponi; il rispettivo totale ammonta a 130.962 e 488.782.

Ancora il Gruppo Italiano Medicina Basata sulle Evidenze riporta l’aumento dei nuovi casi di positività ogni 100mila abitanti: 338, cioé il 12,2%, rispetto alla settimana precedente.

Risulta, poi, inferiore alla media nazionale la percentuale di valdostani che ha completato il ciclo vaccinale; 78,6% contro l’83,9%.

I risultati di Gimbe rassicurano in merito al sotto soglia di saturazione dei posti letto in area medica (12,3%) e in Terapia Intensiva (0), occupati da pazienti Covid.

E’, inoltre, inferiore alla media nazionale il numero di cittadini con vaccinazioni completate: il 78,6% a fronte dell’83,9% registrato sul territorio italiano.

Superiore, al contrario, il tasso di copertura con la terza dose: 86,8%, mentre non va oltre l’83,2% la percentuale nazionale.

Uguale situazione per la quarta dose: in Valle d’Aosta è del 15,6%; sul territorio nazionale è ferma al 7,4%.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram