Press "Enter" to skip to content

Cinquecentomila mascherine Ffp2 sequestrate dalle Fiamme Gialle

AOSTA – L’ingente confisca di questi dispositivi di protezione individuale è avvenuta nell’ambito di un’inchiesta per la vendita di prodotti industriali sospetti.

Non è la prima volta che, dall’esplosione della pandemia, le Forze dell”ordine fermano l’immissione sul mercato di merce contraffatta, pericolosa per chi ne fa uso.

Nello specifico, la Guardia di Finanza, di Aosta, in collaborazione con i colleghi di Modena e Perugia, ha ispezionato società, magazzini, punti vendita nelle tre località, su ordine specifico del pm Manlio D’Ambrosi, della Procura, di Aosta, coordinatore dell’indagine, bloccando vendite a rischio; in questo caso, di mezzo milione di articoli di protezione dal contagio fasulli.

Il sospetto che si nascondesse una truffa colossale nella fabbricazione di quelle mascherine, all’apparenza regolari, è sorto osservando un modello di una Ffp2 con marcatura CE2163 “appartenente – informano dalla Guardia di Finanza – ad una ditta turca, già molto nota, emersa in analoghe attività condotte in altri ambiti nazionali”.

Questa tipologia di mascherina , la Ffp2, è raccomandata dai medici in quanto è l’unica in grado di assicurare un significativo riparo dal contagio da Sars-CoV-2. La corsa alla contraffazione ha già implicato numerosi imprenditori di varie nazionalità.

Mascherine Ffp2 autentiche

L’analisi dei copriviso sequestrati ha confermato quanto avevano capito gli inquirenti: il valore di penetrazione del materiale filtrante supera di sei volte il limite stabilito dalla normativa vigente. Valore del tutto insufficiente per la tutela della salute dei consumatori”.

S.L.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram