Press "Enter" to skip to content

‘Camici bianchi’ in fuga dal ‘Parini’. Direttore Usl Uberti: “Il problema è lo stile della direzione”

AOSTA – Il confine Italia-Svizzera è il più frequentato dalla classe degli operatori sanitari dell’ospedale ‘Parini’, di Aosta. Infermieri, in particolare.

E’ risaputo, da tempo, che la Confederazione elvetica è una delle méte più àmbite da queste maestranze ospedaliere. Un vero e proprio esodo motivato anche da questioni finanziarie, soprattutto dopo l’esplosione della pandemia da Covid-19. Gli stipendi erogati in Svizzera superano, di gran lunga, quelli locali. Non solo. Anche l’organizzazione del lavoro risulta essere molto più incentivante, oltre che più professionale, secondo quanto asseriscono i diretti interessati.

Massimo Uberti, Direttore generale dell’Usl: “Il clima all’interno dell’Azienda è un un aspetto su cui dobbiamo lavorare, ma è anche il più difficile su cui agire”, ha dichiarato all’Agenzia Ansa.

La situazione verrà analizzata, lunedì 9 maggio 2022, in un incontro con i sindacati di categoria, in modo da avere una visione più chiara delle specifiche carenze.

“Il problema è diffuso non solo nel resto d’Italia, ma anche in Europa – sottolinea Uberti -. Si parla di desertificazione del personale sanitario. Che non si trovi personale è oggettivo. Se lo trovassimo, non si porrebbe il problema di chi va via”.

La voce delle parti sociali si è alzata da tempo; segretari sindacali di categoria che puntano l’indice contro una inadeguata gestione del personale da parte della dirigenza, oltre che contro una sottovalutazione generale del benessere in ambito lavorativo.

Uberti si addentra in spiegazioni più circostanziate per dare una motivazione a questa fuga di ‘camici bianchi’.

“Se c’è poco personale – argomenta – quello che rimane è stressato, soprattutto dopo due anni di Covid. Una volta finita l’ondata pandemica, fatica e stress rimangono – puntualizza -.Il cuore del problema è lo stile di direzione, il modo di porsi. Non sono cose che si risolvono con uno schiocco di dita. Se ci saranno interventi da fare dal punto di vista organizzativo, li faremo”, la conclusione pragmatica del Direttore Generale dell’azienda sanitaria Usl.

S.L.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram