Press "Enter" to skip to content

Al personale dell’Infettivologia donate 20 tute protettive. Magnani: “Un gesto di generosità e incoraggiamento”

AOSTA – Il grande cuore dei valdostani si è manifestato, ancora una volta, con la donazione di venti tute protettive al personale della Struttura Semplice di Malattie Infettive, dell’ospedale ‘Parini’, di Aosta.

Struttura in cui è stato espresso il massimo dell’impegno, nei due anni di emergenza Covid, da parte del personale al completo. Medici, personale infermieristico, operatori socio-sanitari e ausiliari hanno garantito la loro attenzione 24 ore su 24, dedicandosi ai pazienti con l’abnegazione di chi è consapevole della gravità della situazione. In prima linea per combattere una malattia subdola, e, all’esplosione, ancora poco conosciuta, paragonabile, quindi, ad un ‘carrarmato’ che irrompe, all’improvviso, in un ambiente sereno, presentandosi in tutta la sua incontenibile potenza.

La Valle d’Aosta ha pianto, nella prima, gravissima ondata, i suoi numerosi morti. Molti la definiscono ‘strage’, considerata la proporzione con il numero contenuto di residenti. Decessi che, seppure ridotti ai minimi termini, continuano ad addolorare l’intera comunità.

Le venti tipiche e indispensabili tute verdi verranno indossate “durante l’attività di somministrazione degli anticorpi monoclonali”, comunica l’Azienda Usl. Antidoto, fra gli ultimi, che ha dimostrato una notevole efficacia nella cura precoce dell’infezione da Covid-19.

Alla Signora A.F. va il nostro sentito ringraziamento – scandisce Silvia Magnani, Infettivologa, Direttrice della Struttura ospedaliera -. Questa donazione rappresenta un gesto generoso e altruista, particolarmente gradito da tutto il personale del reparto. Oltre all’indubbia utilità delle tute protettive, questo dono rappresenta, simbolicamente, anche un caro pensiero di incoraggiamento”, la chiosa conclusiva della dottoressa Magnani.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram