Press "Enter" to skip to content

Rivelazione

M’po’ ciuppichenne, piane, assaie piane,

va n’gire na vicchie pi’ Montsilvane.

Cammine stupite pi’ piazze e pi’ vie,

n’artrove la strade pi’ la firruvie.

Si ferme a la piazze di lu cummune,

vò chiede cunsije ma nin trove nisciune.

Li hamme s’ha stracche, la scope nin vole,

l’età nin pirdone la schine fa dole.

Sfinite s’assette la puvirette, n’inze a lu bar di la Culunnette.

Povira vicchie smarrite e cunfuse,

nin zà ca l’ENAL è parecchie c’ha chiuse.

Nin zà ca lu paese, purtroppe ha cagnate,

fra poche lu nome sarà pure scurdate.

Perciò vi truvenne li ciumminire?

Rrobba passate, rrobbe di jre, mo’ seme moderne;

ma che? lu trenine? Lu cavalle, la bambule, li carracine?

Oddije nannò, si proprie svanite,

li cose chi dice chi è mmò c’ha finite.

Smart, conzolle, pleistescion, cellulare,

mo li bardisce chi sti cose è c’ambare.

Cchiuttoste cara vecchijna, vieni da me, vieni in collina,

in zona vestine (Collecorvino) ci sta nu cammine,

chi arde lu foche sere e matine, e nu voccaperte chi ancore tè fede,

chi a Natale e a la Bbefane, da simbre cia crede.

di Alfredo Di Gregorio

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram