Press "Enter" to skip to content

Da Frattamaggiore a Washington: la piccola Raffaela Ciaramella conquista l’America

Da Frattamaggiore a Washington, a ballare nella “Maryland ballet School”. Unica italiana a vincere una borsa di studio nel mondo del balletto così prestigiosa. È così che Raffaela Ciaramella, appena 14 anni, residente a Frattamaggiore in provincia di Napoli, si è aggiudicata un importante traguardo ritenuto vitale per la sua carriera: ballare in America. L’importante traguardo, si è avuto dopo che la piccola “Carla Fracci” del sud’Italia, si è esibita a Monte di Procida, gareggiando con ragazzine più grandi della sua età. Alla fine è risultata la migliore in assoluto conquistandosi la possibilità di raggiungere gli Stati Uniti dove si è esibita nella prestigiosa scuola Maryland ballet School di Washington. In quella scuola, ha avuto la possibilità di ballare per una settimana insieme ai cadetti dell’accademia ritenuta la più prestigiosa di tutta l’america centrale. Ad accompagnarla, il padre Giovanni Ciaramella che ancora oggi non crede che la passione del ballo possa portare la propria figlia ad esibirsi oltre oceano. “Non mi aspettavo di accompagnarla fino in America” ha raccontato il padre. Raffaela, primogenita di un’altra sorellina più piccola, il suo talento per il ballo, gli è stato notato dal suo maestro Antonio Staiano a soli tre anni e mezzo. La bambina, chiedeva alla madre, Mena Reccia, insegnante anch’egli di danza aerobica, di poter continuare nella sua passione. Così che, i genitori ci hanno creduto. Si è esibita al teatro Bellini di Napoli, al San Carlo, per finire poi direttamente in America. “Restiamo con i piedi per terra” racconta la madre di Raffaela che afferma – a tre anni è mezzo Raffaela era già un talento. Adesso ne ha 14,e frequenta il secondo anno di Liceo Scientifico Niccolò Braucci di Caivano. La sua media di voti è altissima. È appassionata di scienze. Ma il ballo è la sua vita. Adesso deve pensare solo a studiare ed a completare gli studi quanto prima possibile. Poi, per il futuro, tutto può succedere”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram