Press "Enter" to skip to content

La tornata degli interrogativi

Hanno vinto tutti. Al solito, i vincitori sono tanti che è difficile contarli. Non ci sono
perdenti. I commenti si affollano. Vediamo di capirci un po’ di più.
Primo punto. È indubbia la vittoria del SI al referendum. Se si votasse altre trenta
volte, vincerebbe sempre. Troppo facile: una domanda semplice e l’antipatia congenita
degli Italiani verso la loro rappresentanza politica, tutta in blocco. D’altro canto, un
Parlamento che quasi all’unanimità si castra, è un bello spettacolo. Come potevano gli
Italiani dire di NO? Gli Italiani si dividono in due categorie: quelli che ragionano e gli altri.
Gli altri sono molti di più e il gioco è fatto.
Forza Italia, La Lega e Fratelli d’Italia hanno subito il ricatto di 5Stelle sul
referendum, votando compatti (o quasi) in Parlamento per il SI. Un errore fatale, dando un
forte vantaggio propagandistico al Movimento. A loro conveniva? È stata una grande
sciocchezza.
Qualcuno sostiene (la Destra) che l’attuale Parlamento è delegittimato. No, perché
è il risultato di elezioni legittime fatte a suo tempo. È invece, un Parlamento fasullo, perché
non corrisponde all’attuale quadro politico del Paese.
Considerate le percentuali raggiunte dai partiti, Forza Italia, Renzi e 5Stelle hanno
un numero sproporzionato di deputati, Fratelli d’Italia, al contrario, ne ha molti di meno di
quanti potrebbe averne se si votasse.
Ora, occorre dare seguito alle conseguenze: modificare le circoscrizioni, cambiare i
regolamenti, fare (forse) una nuova legge elettorale. Si farà? Chiedere agli Italiani di
ridurre la rappresentanza politica lasciando poi le cose come stanno, sarebbe un
gravissimo errore. Sullo sfondo c’è la nomina del Presidente della Repubblica. Potrebbe
questo Parlamento fasullo procedere all’elezione? Tutto è possibile, ma inaccettabile.
Dovrebbero esserci nuove elezioni. Naturalmente, i partiti che si vedrebbero ridotti, come
rappresentanza numerica, non ci pensano neppure. Che ne pensa l’attuale Presidente
della Repubblica?
Secondo punto. Chi ha indubbiamente vinto è il partito dei governatori. Questo è un
fatto nuovo e importante. Una nuova classe di politici si sta affacciando sulla scena del
Paese. Uomini come Zaia, De Luca, Bonaccini, Toti, Musumeci e altri si sono dati da fare,
hanno tutelato i lori territori, sono stati presenti e attivi durante la pandemia, hanno preso
decisioni chiare. Gente ben diversa da quella al potere. Si sta profilando un forte contrasto
fra la classe politica nazionale e quella regionale.
Terzo punto. La Meloni avanza dappertutto e guadagna le Marche, con Acquaroli.
Questo dà uno scossone al Centro-Destra, inutile negarlo. Ha vinto perché ha guadagnato
un’altra Regione, ma fra un partito morente (Forza Italia) e un partito in ritirata (la Lega),
brilla Fratelli d’Italia. Non si romperà la coalizione ma è inevitabile un ricollocamento della
leadership.
Quarto punto. Il PD ha retto, grazie anche al collasso del Movimento 5Stelle.
Zingaretti esulta e non è più in forse il cambio alla direzione del partito, ma la Sinistra è
arroccata solo su Emilia, Toscana, Lazio e Campania, le Regioni che un tempo furono le
più fasciste. Regioni popolose e importanti. Ma il controllo totale delle provincie è perduto.
Quinto punto. La Lega non morde nel Centro-Sud. Da più di un anno la leadership
di Salvini si è di molto appannata. Dopo la sciagurata decisione di abbandonare il governo
giallo-verde non ne ha infilata una di giusta. Ha gravemente insidiato il PD in Toscana e in
Emilia, ma la spallata non c’è stata. Troppi errori e troppe sbrasate. La sensazione
d’essere vincente è sempre pericolosa. La Lega attraverserà un periodo molto difficile.

Sesto punto. Il Movimento 5Stelle è nel marasma, con una continua emorragia di
voti. Stando ai risultati elettorali, tre quarti, se va bene, dei suoi deputati non sarebbero
rieletti. Al massimo rappresenta il 10% dell’elettorato. Forse riusciranno a fare un
Congresso. Forse, riusciranno ad eliminare quella buffonata che è la Piattaforma
Rousseau, forse finirà l’equivoco di Casaleggio figlio con “il garante” comico Grillo. Forse.
Se non lo faranno, finiranno come Renzi. Le 5Stelle ad una ad una si stanno spegnendo.
Settimo punto. Renzi e la sua formazione politica sono praticamente scomparsi
dalla scena politica. Al massimo, navigano sul 3%, nonostante i 50 deputati che hanno al
Parlamento. Un obbrobrio e un equivoco. Regge in Toscana ma quasi scompare altrove.
Ottavo punto. Il governo continua. Inutile dire che si è rafforzato. Non è stato mai
forte, ma diviso e litigioso. Continuerà così, per la sopravvivenza, sempre che il PD non
chieda di essere rappresentato per quella che è la sua forza reale rispetto a quella fasulla
di 5Stelle.
La scadenza più importante e prossima è quella della fine della cassa integrazione
e del blocco dei licenziamenti. Sullo sfondo, poi, c’è la crescita della pandemia. Come se
la caveranno?
Altri temi importanti sono il Recovery Fund e la questione del MES. La progettualità,
al momento, è zero: solo chiacchiere e i tempi stringono, perché l’Unione europea dovrà
esprimere un parere sui propositi del governo italiano. Non si vedono colpi d’ala, l’uccello
è zoppo e stenta a camminare. E se ci bocciano?
Riuscirà il PD a far deflettere 5Stelle dall’opposizione (irragionevole) al MES?
Come si vede, dopo questa tornata elettorale, sono più gli interrogativi che le certezze.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram