Press "Enter" to skip to content

Via Lexert immersa nel buio dopo le 18. “Inutile sollecitare il Comune. Siamo dimenticati”

AOSTA – Sono imbufaliti gli abitanti di via Lexert, la strada su cui si affaccia la Chiesa di Maria Immacolata, nel quartiere Cogne. Le luci pubbliche sono talmente fioche da essere quasi inutili. In più occasioni, i residenti delle case Gazzera e del nuovo complesso costruito di fronte al Santuario hanno sollevato il problema agli uffici comunali. Risultato: dopo le 18 scatta il coprifuoco.

Siamo inascoltati, dimenticati. Non è logico avere paura di uscire di casa e dalla Messa serale delle 18. – sbotta chi, da anni, convive con questa grave lacuna -. Ci uniamo in gruppo per disincentivare eventuali malintenzionati. Il fatto è che alla nostra età non intimoriamo più nessuno“, lamentano in questa area del rione popolare.

Lampioni simili a lampadine di un giocattolo per l’infanzia. Luci cimiteriali coperte, tra l’altro, dalle fronde degli alberi. Una situazione che sta assumendo i contorni di un quartiere degradato di qualche metropoli italiana, di favelas sudamericane, di ambienti del Terzo Mondo.

L’unica vera illuminazione la garantiscono le luci affisse alla chiesa. Ci ‘accompagnano’ per qualche metro quando usciamo dalla Messa, ma poi si sprofonda nelle tenebre”, insistono gli abitanti. Disorientati dal disinteresse dell’amministrazione comunale e preoccupati dal doversi confrontare con molte altre insidie di una strada buia.

“Possiamo anche inciampare e cadere. Non si vedono i bordi dei marciapiedi, eventuali buche, gli scivoli a disposizione dei disabili. Il Comune deve intervenire. Non siamo cittadini ‘invisibili’. Paghiamo le tasse come chi abita in altre zone della città”, si infervorano.

Il problema, in questo contesto, è ingigantito dalla situazione politica dell’Amministrazione di Piazza Chanoux. L’assessore Andrea Edoardo Paron, competente del settore, ha rassegato le dimissioni, scagliandosi contro i suoi ex colleghi di governo. “Ben altri problemi, rispetto alla mia modesta posizione, andrebbero affrontati in maggioranza“, ha detto nel momento in cui se ne è andato. Tra i problemi ha menzionato anche l’illuminazione pubblica. “Ci sta bene – commentano i residenti di via Lexert -. Ma quando governava non ha fatto niente per potenziarla. E adesso, prevediamo di stare al buio ancora per molto tempo”, si sfogano.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram