Press "Enter" to skip to content

Vergognoso

Per la giustizia, si fa per dire, italiana Carola Rakete è libera. Forse avrebbe dovuto schiacciare l’imbarcazione della Guardia di Finanza per meritare una punizione, Germania permettendo.

“Per la magistratura italiana ignorare le leggi e speronare una motovedetta della Guardia di finanza non sono motivi sufficienti per andare in galera. Nessun problema: per la comandante criminale Carola Rackete è pronto un provvedimento per rispedirla nel suo Paese perchè pericolosa per la sicurezza nazionale. Tornerà nella sua Germania dove non sarebbero così tolleranti con una italiana che dovesse attentare alla vita di poliziotti tedeschi. L’Italia ha rialzato la testa: siamo orgogliosi di difendere il nostro Paese e di essere diversi da altri leaderini europei che pensano di poterci trattare ancora come una loro colonia. La pacchia è finita”. Questa la reazione di un indignato e deluso Matteo Salvini.

Ora potrà essere proposta anche per qualche particolare onorificenza ma, e per fortuna e sempre che non incontri un’altra toga rossa, continua ad essere sotto scaco per l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

L’ia di Salvini su Facebbok: “Sono arrabbiato… Cosa bisogna fare per finire in galera in Italia? “Mi vergogno”, ha aggiunto, sottolineando le vite messe a rischio degli agenti della Guardia di finanza. “Da domani sarò ancora più determinato nel difendere i confini e le leggi italiane”, ha detto ancora. Salvini ha poi parlato di decisione “che non fa onore all’Italia” e ha auspicato che “il magistrato che vuole fare politica si tolga la toga e si presenti alle elezioni”. E ancora: “E’ finito il lucro, è finita la pacchia sull’immigrazione clandestina, li rimanderemo indietro uno ad uno. Questi sono potenziali assassini, sono criminali e i criminali in un Paese normale vanno in galera. Confido che quel giudice che dirà basta arrivi presto”, ha continuato, scagliandosi contro le Ong, “complici dei trafficanti di esseri umani”. Poi l’attacco: “Mi vergogno di chi permette che in questo paese arriva il primo delinquente dall’estero e disubbidisce alle leggi e mette a rischio la vita dei militari che fanno il loro lavoro. Se stasera una pattuglia intima l’alt su una strada italiana chiunque è tenuto a tirare diritto e speronare un’auto della polizia. Pessimo segnale signor giudice“.

“Sorprende la scarcerazione di Carola Rakete. Io ribadisco la mia vicinanza alla Guardia di Finanza in questo caso. Ad ogni modo il tema è la confisca immediata della imbarcazione. Se confischiamo subito la prossima volta non possono tornare in mare e provocare il nostro Paese e le nostre leggi”, il commento del vicepremier e ministro Luigi Di Maio.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

google-site-verification=08oW6gnsO9wyK2e5wSYJRhu8LiBjyAH5JhFmOXhiuo8
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram