Press "Enter" to skip to content

Vaccini disabili, Fondazione Ollignan: “I nostri ragazzi attendono il loro turno e seguono, con scrupolo, le regole”

AOSTA – René Benzo, Direttore della Fondazione Sistema Ollignan Onlus, esordisce sottolineando una realtà inconfutabile: “I nostri ragazzi sono autosufficienti e, soprattutto, seguono, con grande diligenza i provvedimenti imposti nei vari Dpcm. Applicano le regole senza alcun problema. Anzi. Il lavaggio frequente delle mani, l’uso della mascherina e l’osservanza del distanziamento sociale sono diventati una forma di svago educativo a cui si dedicano con grande piacere”.

René Benzo

Ragazzi che attendono il loro turno per quanto attiene alla vaccinazione, senza voler accelerare la tempistica di una profilassi che, nello specifico, si ritiene di poter attendere con massima serenità. Ad oggi, nessuno dei ragazzi accolti nella struttura, di Quart, ha contratto il contagio. L’attesa della somministrazione vaccinale non preoccupa. A differenza di altre categorie di disabili per cui, al contrario, sta diventando allarmante l’attesa prolungata. Molti sono considerati a forte rischio di contagio in quanto affetti da patologie gravi; dovrebbero, pertanto, essere inclusi fra i primi cittadini a cui garantire il vaccino.

L’impegno e la professionalità degli operatori/educatori, di Ollignan, si rivelano, come sempre, di fondamentale importanza, non solo per sdrammatizzare la realtà, ma, soprattutto, per rasserenare i giovani ospiti di questa Cascina, divenuta la ‘grande famiglia dei ragazzi di Ollignan’.

René Benzo commenta quanto appreso dai media nazionali: “Rattrista la trascuratezza dimostrata nei confronti dei disabili. Nel nostro caso, parliamo di ragazzi con varie disabilità, ma del tutto in grado di seguire i provvedimenti anti contagio. Inoltre, dall’esplosione della pandemia abbiamo ridotto il numero. Da allora, il rapporto è di un educatore per un ragazzo”.

Confessa di avvertire la mancanza della “grande presenza. Trenta giovani che animano la ‘Casa’, impegnandosi, ogni giorno, nel lavoro dei campi e nelle attività interne. Il tutto, con il sostegno e l’attenzione fraterna garantiti dai nostri operatori. In definitiva – conclude René Benzo – tutto procede nel migliore dei modi, nonostante la drammaticità dell’emergenza sanitaria”.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram