Press "Enter" to skip to content

Turismo, presidente Testolin: “La montagna? Spazi idonei per vacanze ‘green’ e rispetto distanze sociali”

AOSTA – Vacanze in famiglia, percorsi e itinerari incantevoli. Una villeggiatura in totale libertà. Il rilancio dell’estate valdostana riparte dagli spazi sconfinati. Dall’opportunità di percorrere chilometri in una ‘full immersion’ nella natura della Regione circondata dai Quattromila d’Europa. La montagna, ambiente in cui le aree a disposizione esaudiscono, appieno, l’esigenza imposta dal governo centrale di evitare i tanto insidiosi assembramenti.

Renzo Testolin presidente della Regione Autonoma Valle d’Aosta ricorda come come l’apertura delle frontiere regionali sia fissata al 3 giugno. Mancano pochi giorni per un ritorno ad una normalità prudente, ma pur sempre da vivere nella sua interezza.

il Presidente della Regione Renzo Testolin

In questa ottica, il capo dell’Esecutivo alza gli occhi e ‘guarda’ alla Skyway, la funivia del cielo, da cui si ammira, in tutto il suo splendore, il Monte Bianco. ‘Guarda’ anche alla funivia di Zermatt, un ‘must’ del Canton Vallese.

L’apertura degli impianti di risalita – dichiara Renzo Testolin – offre l’opportunità di rinsaldare i rapporti transfrontalieri nell’ambito turistico estivo. Un’offerta ideale per una villeggiatura famigliare e di randonné'”.

Ricorda i Comuni di Chamois e Pila. “Opportunità complementari – fa notare -. La conca di Pila dedicata ai giovani con lo svago sportivo della mountain bike. Chamois, luogo ideale per escursioni nei sentieri sovrastati dal Cervino.”

Il rilancio dell’imminente stagione estiva valdostana è considerato una ‘sfida’ a cui Testolin rivolge la massima attenzione unita ad un grande ottimismo. Le ‘notevoli ‘chance’ offerte dalla Natura della Vallée lo confortano. Dall’accoglienza nei Rifugi Alpini, alle iniziative promosse dalla Fondazione Montagna Sicura, alla professionalità delle guide alpine e della Natura. Figure e istituzioni di spicco su cui il presidente conta, in termini significativi, per realizzare i programmi di rilancio turistico nel periodo più difficile della storia valdostana dal Dopoguerra.

castello di Sarre

Stiamo lavorando per la riapertura dei nostri siti archeologici, un vero ‘atout’ dell’offerta estiva sul territorio – anticipa -. Nell’ultima settimana del mese in corso apriremo, per primi, i castelli di Sarre e ‘Gamba’, oltre al Teatro romano. E, dal prossimo mese, presenteremo ‘Musicastelle’. Momenti di musica all’aperto che costituiscono un valore aggiunto alle nostre proposte di ‘loisir’ nel pieno dell’estate valdostana“.

conca di Pila

L’obiettivo rilancio pone al centro l’interesse delle Alte vie che, insieme con il Cammino Balteo, percorso escursionistico di media e bassa quota, aprono ad una scelta commisurata alle aspettative.

La montagna insieme con i suoi professionisti riserverà vacanze idonee ad un turismo sempre più orientato alla ricerca di luoghi in cui vivere la Natura declinata in tutte le sue offerte”, commenta Renzo Testolin. Che, in chiusura si rivolge ai residenti: “Le opportunità menzionate saranno realizzabili con la collaborazione di tutti. Il rispetto delle regole amplificherà il valore dell’accoglienza e sarà di esempio ai graditi ospiti. Vorrei, quindi, – sottolinea – ribadire l’urgenza di usare i dispositivi di protezione individuale. La mascherina è un segno di rispetto per noi e, soprattutto, per gli altri. E’ una questione di umanità, prima ancora che istituzionale. Auguro una buona estate ai valdostani, sollecitando la sensibilità già manifestata, nella quasi totalità della popolazione, durante questa drammatica pandemia. Un’emergenza a tutt’oggi presente “, il commiato del presidente della Regione Renzo Testolin.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram