Press "Enter" to skip to content

Terremoto in provincia di Firenze

Paura nel Mugello. Una scossa di terremoto di magnitudo tra 4.4 e 4.9 è stata infatti registrata dall’Ingv alle 4:37 nella provincia di Firenze. L’epicentro è stato localizzato a 4 km di profondità nell’area di Scarperia San Piero. Una seconda scossa poco dopo a Barberino di Mugello, accompagnata da altre di minore intensità a Scarperia San Piero.

La Sala di Protezione civile di Firenze sta monitorando la situazione e l’unione dei comuni del Mugello ha aperto la Sala intercomunale di protezione civile a Borgo. Avviate le verifiche agli edifici: danni sono stati causati a Scarperia San Piero e a Barberino del Mugello, dove la chiesa e la canonica sono state dichiarate inagibili.

Scuole chiuse inoltre a Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Firenzuola, Vaglia, Vicchio. Istituti scolastici chiusi anche a Vernio (Prato) dove resterà inaccessibile anche il palazzo del Comune in via precauzionale per consentire le verifiche.

Lo sciame sismico in Mugello è iniziato intorno alle 20 di domenica. La sala di protezione civile di Firenze ha segnalato che alle 21:13 e alle 21:14 sono state registrate dalla Rete Sismica Nazionale dell’Ingv altre due scosse di magnitudo 2.8 e 2.0 ad una profondità di 6 e 7 km con epicentro a Scarperia e a San Piero. Dalle verifiche effettuate subito dalla Sala Operativa gli eventi sono stati avvertiti dalla popolazione.

In seguito alle scosse, il traffico ferroviario sulle linee AV Bologna–Firenze e Firenze–Roma direttissima e convenzionale è stato prima sospeso in via precauzionale e poi ripristinato e sta tornando progressivamente alla normalità. Lo riferisce Rfi, precisando che proseguono le verifiche dello stato dell’infrastruttura da parte dei tecnici.

“La scossa è stata abbastanza lunga, soprattutto la prima, sono caduti oggetti in un supermercato ma non abbiamo al momento verificato danni a persone o cose. Le notizie arrivano però in modo frammentario” ha raccontato Filippo Carlà Campa, il sindaco di Vicchio, comune vicino all’epicentro delle scosse, al giornale ‘Radio Rai’. ”La popolazione si è riversata nelle piazze: proprio quest’anno ricorre il centesimo anniversario del terremoto che nel 1919 distrusse il Mugello”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram